Asti: bonus di 80 euro per chi acquista una bicicletta

Tutti i cittadini astigiani che acquisteranno una bicicletta fra il 10 e il 20 dicembre potranno – previa presentazione della fattura – richiedere un contributo di 80 euro al Comune di Asti

The Famous University Town Of Cambridge

Dopo il deludente progetto del bike sharing, con appena quattro stazioni nella cittadina piemontese, Asti cambia strategia nella promozione della bicicletta come soluzione alternativa alla mobilità motorizzata. Chi vorrà acquistare un modello nuovo di bicicletta (anche elettrica) purché al di sotto dei 400 euro potrà usufruire di un ecobonus di 80 euro. La quota massima di spesa relativamente contenuta esclude, quindi, gran parte delle biciclette da corsa o delle mountain bike entry leve e concentra l’iniziativa sulle city bike e sulle biciclette da passeggio, quelle più adatte a un utilizzo cittadino.

Tre i rivenditori astigiani aderenti all’iniziativa: 1) Dream Team di corso Torino 445; 2) Piemontesina di corso Torino 9; 3) Speedy Bike Garage di corso Alessandria 20.

Per accedere al bonus occorrerà presentare la richiesta del contributo al Servizio Ambiente di piazza Catena 3, terzo piano.

Nel progetto sono stati coinvolti anche gli alberghi di Asti ai quali verranno ripagate 2 o 4 biciclette a disposizione dei loro ospiti.

Per quanto riguarda la cittadinanza, gli acquirenti dovranno tenere la bicicletta almeno due anni prima di poterla vendere.

L’iniziativa permetterà di soddisfare circa 80 richieste e, secondo l’assessore al Turismo Andrea Cerrato,

è un ulteriore passo avanti verso una città più etica e sostenibile. Un segnale importante verso gli operatori turistici di Asti che devono aprirsi a nuovi mercati come l'open air, le famiglie e i giovani. Sempre più spesso i turisti italiani e stranieri scelgono Asti, ma chiedono servizi aggiuntivi oltre la semplice camera, soprattutto in estate.

Via | La Nuova Provincia

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail