Disastri ambientali scongiurati in Valtellina e al porto di Salerno

Sversamenti di idrocarburi in Lombardia e Campania. Ma la tempestività dei soccorsi scongiura il disastro ambientale

Due disastri ambientali sfiorati  nel giro di poche ore nel nostro Paese. L’incidente è lo stesso: uno sversamento di idrocarburi. Ieri nel tratto di Adda fra Tirano e Ardenno, circa quaranta chilometri del corso d’acqua sono stati coperti e percorsi da macchie estese di idrocarburi. A dare l’allarme sono stati alcuni pescatori che hanno allertato il servizio di vigilanza dell’unione pesca sportiva di Sondrio che ha attivato vigili del fuoco e tecnici Ups e Arpa per recuperare dall’invaso la sostanza oleosa galleggiante con appositi panni assorbenti.

Ora si cercano i responsabili dell’accaduto che avrebbe potuto provocare gravi danni alla fauna ittica.

Gli idrocarburi creano una pellicola sulla superficie, facilmente removibile finché non sedimenta. Quando invece la sostanza scende in profondità va a saturare l’ossigeno presente nell’acqua, provocando problemi alla flora e alla fauna,

ha spiegato Giorgio Lanzi, responsabile Ups. Fortunatamente questo non è avvenuto e, dai primi rilevamenti, non è stata segnalata alcuna anomalia alla fauna ittica, tanto che la pesca potrà continuare regolarmente.

L’altro sversamento di idrocarburi è avvenuto in mare, nel porto di Salerno, mentre erano in corso le operazioni di rifornimento del cargo Euroferry Brindisi. Anche in questo caso gli idrocarburi sono stati “captati” con panni assorbenti che hanno permesso di contenere l’incidente. Le operazioni di bonifica proseguono di concerto con il Ministero dell’Ambiente che ha inviato sul posto la motonave San Giacomo. Sono state aperte un’inchiesta amministrativa volta a chiarire le cause del sinistro e una penale per definire eventuali responsabilità.

Via | Salerno Notizie

Foto © Getty Images

  • shares
  • Mail