Il Mar Tirreno inquinato per il 95% da plastica: i dati di Goletta Verde

Goletta Verde con Accademia del leviatano ha monitorato il Mar Tirreno scoprendo 13 oggetti plastica ogni 2 Km


Il Mar Tirreno è inquinato dalla plastica, questo il risultato emerso dal monitoraggio di Goletta verde e Accademia del Leviatano seguendo il protocollo scientifico elaborato dal Dipartimento Difesa della natura di Ispra e dal Dipartimento di Biologia dell’Università di Pisa. Del 95% dei macro rifiuti galleggianti, l 41% è formato da buste e frammenti plastici e la maggior parte sono stati rinvenuti nel Tirreno centro meridionale.

Il monitoraggio di Legambiente si è svolto dall dallo Stretto di Messina alla Liguria in collaborazione con l' Accademia del Leviatano che ha svolto l’analisi continuativa delle tratte Livorno-Bastia e Fiumicino-Ponza per un totale in totale di oltre 3.000 km di tratte marine analizzate. Ha detto Stefano Ciafani, vice presidente nazionale di Legambiente:

Questo dimostra che il fenomeno della plastica in mare è un problema di dimensione globale e non riguarda solo l’Oceano Pacifico: l’Italia e il Mar Mediterraneo, infatti, sono particolarmente coinvolti e pertanto sono necessarie misure drastiche. L’Italia fino al 2010 era il primo paese europeo per consumo di sacchetti di plastica usa e getta, con una percentuale di consumo pari al 25% del totale commercializzato in Europa, e solo grazie all’entrata in vigore del bando sugli shopper non compostabili ha ridotto questa percentuale.

Via | Comunicato stampa
Foto | Legambiente

  • shares
  • Mail