Seguici su

Inquinamento

Inquinamento da cromo a Cogoleto, una storia lunga settant’anni

A settant’anni dall’inizio dell’attività della Stoppani Spa, la località ligure continua a fare i conti con i rifiuti derivati del cloro e il cromo disperso nell’ambiente

È cominciato tutto negli anni Quaranta, quando lo stabilimento chimico della Stoppani Spa di Cogoleto – diventata successivamente Immobiliare Val Lorene Spa – ha iniziato a sversare nell’ambiente circostante i rifiuti derivati del cloro. Fra le sostanze maggiormente nocive, il cromo esavalente è quello che ha creato maggiori problemi: dopo essere stato accumulato in grandi quantità in cave nelle zone circostanti, un centro di stoccaggio è stato costruito sul corso del torrente Lerone, del quale è stato deviato il corso.

A partire dal 1983 la Stoppani è stata autorizzata dalla marina mercantile a sversare a mare circa 70mila tonnellate all’anno di fanghi contenenti cromo, una situazione che è andata avanti fino al 1986, quando un decreto del Ministero dell’Ambiente ne ha vietata la procedura. Da quel momento gli scarti di produzione sono stati sversati nel Lerone e l’Arpa Liguria ne ha trovate ingenti tracce nei suoi rilevamenti.

Con il programma di bonifica decennale denominato Envireg, nel 1991 la Stoppani ha ricevuto 7 miliardi di lire per bonificare torrente e falda ed eliminare tutte le terre tossiche, comprese le spiagge. Dieci anni dopo, nel 2001, la società è risultata inadempiente. Da quel momento la zona è stata inserita nei piani nazionali di bonifica. Con il fallimento della Stoppani e la trasformazione in Immobiliare Val Lorene (2007) le operazioni sono passati completamente nelle mani del Commissario Delegato per il superamento dell’emergenza e della Sviluppo Italia Spa, incaricata dei lavori di bonifica.

Il 14 gennaio 2013 è stato approvato un decreto legge di proroga dell’emergenza. Se nella vicina Arenzano la bonifica è stata conclusa a Cogoleto il progetto Sviluppo Italia si è rivelato l’ennesimo fallimento. Ora altri 3 milioni di euro sono previsti per proseguire la bonifica. Da quando si è iniziato a parlare di bonifica sono passati 23 anni.

Via | Today

Video | Youtube

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa