Ciclo dei rifiuti e open data: dai numeri alle notizie, il progetto dell'Università di Salerno

Open data sui rifiuti: dai numeri alle notizie. Il punto è che la complessità dei dati e la loro ancor scarsa disponibilità rende difficile il ricavo delle informazioni. I risultati in un esperimento condotto all'Università di Salerno

Un concetto fondamentale va come premessa: i rifiuti si trasformano in soldi se non sono conferiti in discarica o all'inceneritore. Tradotto terra-terra: gettare i rifiuti è costoso, non gettarli fa risparmiare e un comune è più ricco quanti più rifiuti riesce a raccogliere e a rivendere.

FRANCE-ENVIRONMENT-WASTE-RECYCLING-THEME

Detto ciò vi racconto del progetto di Daniela Vellutino docente di Comunicazione Pubblica e Linguaggi Istituzionali all'Università di Salerno che ha messo attorno a un tavolo istituzioni, studenti e associazioni ambientaliste per capire come usare gli open data (pochi per ora) per mettere assieme informazioni e poi notizie.

Il progetto si chiama "Dagli open data alle notizie" con un obiettivo iniziale: individuare gli open data sull’ambiente utili sia ai comunicatori pubblici sia ai giornalisti per produrre rispettivamente informazioni e notizie. Per fare ciò gli studenti sono stati sguinzagliati sul campo e hanno preso sotto monitoraggio i comuni di Pellezzano, Eboli, Buccino, Palomonte e il Comune Santa Maria la Carità di Provincia di Napoli. Ma solo un comune risulta analizzato in maniera completa ed è quello di Pellezzano grazie al lavoro di Azzurra Trani.

Ma praticamente in cosa consistono gli open data sui rifiuti richiesti dagli studenti? Dati semplici semplici quali informazioni che ogni cittadino/contribuente può richiedere alla propria amministrazione e da queste semplici domande è venuta fuori una griglia di proposte su quali informazioni dovrebbero fornire gli open data elaborati da parte dei comunicatori istituzionali e dai giornalisti sotto forma di notizie:


  • Bolletta della tassa sui rifiuti deve essere uno strumento di comunicazione e di educazione ambientale con dati e informazioni sulla raccolta e sul riciclo;
  • Costo pro-capite con dati comparati tra i comuni della Campania. In questo modo il dato diventa un indicatore della performance del proprio Comune
  • Modalità di raccolta per produrre rifiuti di qualità “segregando” bene le frazioni dando informazioni sui riciclo
  • Valori degli indicatori per l’efficacia della raccolta differenziata
  • Logistica: destinazioni delle frazioni, sedi delle isole ecologiche, centri per i rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE), ecc...

Mi spiega Daniela Vellutino:

Continueremo il progetto e con Legambiente farò un piano dei comuni in cui sono presenti i loro circoli.


Se una difficoltà c'è consiste nel trovare cittadini attivi che siano disposti a fare i monitoraggi civici poiché gli studenti limitano la loro attività solo per la preparazione dell'esame.

  • shares
  • Mail