Seguici su

Uncategorized

Cinemambiente 2014: Serra Pelada, la leggenda della montagna d’oro

Per un decennio la più grande miniera d’oro del mondo attirò nel cuore dell’Amazzonia 100mila “garimpeiros” che estrassero 40 tonnellate di oro

Il moderno Eldorado di Serra Pelada, immortalato dal genio fotografico Sebastião Salgado, ha trovato una nuova narrazione con il documentario Serra Pelada – A lenda da montanha de ouro, presentato in anteprima europea a Cinemambiente 2014.
Il regista Victor Lopes ha impiegato undici anni per ricostruire la parabola di Serra Pelada, la più grande miniera d’oro del mondo che dall’inizio alla fine degli anni Ottanta fruttò 40 tonnellate di oro ai cercatori, alle società e al governo coinvolti nell’estrazione.

Nel 1976 l’oro fu scoperto da un geologo del Departamento Nacional de Producción Mineral del Brasil (DNPM) . Nell’ottobre 1977 il presidente della Compañía Vale do Rio Doce (CVRD) conferma che c’è oro nella Sierra de los Carajás, ma la notizia viene tenuta segreta, almeno fino al gennaio 1979 quando Genesio Ferreira, un contadino del luogo, non trova una pepita.

La notizia si diffonde rapidamente e la sierra viene letteralmente invasa da emigranti provenienti da tutto il Brasile. Quando, nel maggio del 1980, il governo federale invia sul posto il maggiore Sebastião Curió il garimpo è già occupato da 30mila garimpeiros. I garimpeiros o le società occupano alcuni lotti e vendono al governo brasiliano l’oro estratto. Curió stabilisce nell’area regole ferree, una disciplina necessaria per mantenere l’ordine: niente donne e niente alcool.

L’apogeo dell’attività estrattiva avviene nel 1983 con 13,9 tonnellate di oro: soltanto il 10% dei garimpeiros trova l’oro, per il restante 90% il garimpo è solo l’illusione di una vita migliore.

Con il passare degli anni e la trasformazione della montagna in una conca dall’aspetto dantesco, la quantità di oro estratta diminuì progressivamente fino ai 745 kg e ai 250 kg del 1990. L’aumento della concentrazione umana fino a 100mila garimpeiros e la diminuzione dei guadagni creò numerose tensioni che si aggiunsero alle morti per incidenti.

Il vero emblema di Serra Pelada è il vecchio garimpeiro che ancora spera di trovare l’oro nel giardino della casa in cui vive con la sua (tredicesima!) moglie a Curionópolis, la città costruita vicino alla miniera. La sua fede in quella che fu – come dice uno dei tanti abitanti di questa ghost town – una vera e propria “Auschwitz tropicale” è inesauribile. Una fede capace, letteralmente, di spostare una montagna.

Foto | Serra Pelada

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa