Seguici su

Inquinamento

Morti per la fatica due operai nelle fabbriche del tessile in Cambogia

In una sola settimana a luglio due operai del tessile sono morti a Phnom Penh per la fatica mentre altri duecento operai sono stati ricoverati per la stanchezza alla clinica Health Centre Prek Anhchanh: la denuncia dei sindacati del tessile

    Update:
    Ieri ho contattato H & M per conoscere il parere dell’azienda essendo stata citata dal sindacato. Oggi ho ricevuto la risposta in inglese che ho tradotto:

    Siamo profondamente addolorati nell’aver appreso che un lavoratore della New Archid Garment Factory è morto. I nostri pensieri vanno alla famiglia che ha lasciato. Abbiamo immediatamente informato tutto il personale interessato nella nostra organizzazione e siamo in contatto continuo con la New Archid Garment Factory per assicurarci che si assumano le loro responsabilità come datore di lavoro.

    Abbiamo preso parte al National Social Security Fund, NSSF e abbiamo inviato una squadra in fabbrica per esaminare i fatti e per rafforzare la nostra comprensione su come sia accaduto tutto ciò. Abbiamo anche parlato con la famiglia per capire meglio le condizioni di lavoro e le loro circostanze personali. Siamo attualmente in contatto con il fornitore e attraverso di loro con il Fondo Nazionale di Previdenza Sociale e attualmente stiamo decidendo i prossimi passi da fare assieme con il fornitore.

    L’accordo NSSF prevede che sia corrisposto alla famiglia del lavoratore un risarcimento che sarà inoltrato proprio sulla base delle informazioni che abbiamo. La fabbrica, che è il datore di lavoro, ha donato una somma di denaro alla famiglia.

    H & M non possiede fabbriche che producono i nostri prodotti ma lavora con circa 900 fornitori indipendenti, tra cui New Archid. Tutti i nostri fornitori devono firmare il nostro Codice di Condotta in cui si impegnano a rispettare le norme internazionali del lavoro e la legislazione nazionale. Per verificare il rispetto di queste norme svolgiamo controlli regolari e audit senza preavviso.

    L’Overtime è una sfida chiave nel settore tessile, ma la nostra visione vuole che tutti i lavoratori del settore dovrebbero essere in grado di vivere del loro stipendio, senza ricorrere al lavoro straordinario. Al fine di ridurre gli straordinari, lavoriamo con i nostri fornitori per aiutarli a migliorare la gestione del lavoro e del tempo. Riteniamo inoltre che lo sviluppo dei salari stia richiedendo troppo tempo ed è per questo che abbiamo preso ulteriori iniziative con i maggiori esperti a livello mondiale, da ILO ai sindacati, per creare una nuova tabella di marcia salariale. Secondo la nostra visione un salario minimo che assicuri la sussistenza dei lavoratori dovrebbe essere pagato da tutti i nostri fornitori strategici di beni commerciali. Questo dovrebbe essere basato su una forza lavoro qualificata che ottiene retribuzioni su base contrattuale grazie al coinvolgimento dei sindacati eletti democraticamente. Entro il 2018, tutti i fornitori strategici H & M dovranno aver migliorato la retribuzione con salari equi sulla base del costo della vita in cui il lavoratore opera.

Lavorare fino allo sfinimento, fino alla morte. E’ quanto denunciano i sindacati del tessile in Asia, IndustriALL Global Union e il Sindacato libero dei lavoratori del Regno di Cambogia (FTUWKC) che avvertono che i lavoratori tessili muoiono sul posto di lavoro. Ha detto Sokny Say del Sindacato libero dei lavoratori del Regno di Cambogia (FTUWKC) e affiliato al IndustriALL Global Union:

Quanto si sta verificando quest’anno è inusuale. Abbiamo avuto molti casi di svenimenti di massa in passato ma questo è il primo anno in cui le persone sono morte. Non dobbiamo diventare immuni al fatto che tanti lavoratori tessili sono al collasso nelle fabbriche.

Alla fine di luglio sono morti due dipendenti in due distinte fabbriche alla periferia di Phnom Penh: Nov Pas di 35 anni, sarta che ha trascorso gli ultimi 4 anni a cucire vestiti per marchi come Gap e Old Navy. Svenuta al suo posto nella fabbrica Sangwoo alle 8 del mattino del 24 luglio è deceduta alle 18:00; Vorn Tha 44 anni morto nella fabbrica New Archid valutata con il gold Label da H&M e che produce vestiti per il marchio svedese, deceduto dopo per aver lavorato senza sosta.

Chea Sok Thong della fabbrica Sangwoo di proprietà coreana ha negato qualunque responsabilità aziendale per la morte della signora Nov e ha sostenuto che la causa era da ricercarsi nell’incuria medica dall’ospedale dove era in cura. Un terzo lavoratore, impiegato presso la fabbrica Cambo Kotop Ltd a Phnom Penh è morto lo scorso marzo.

Lo scorso gennaio la protesta di oltre 500 mila cambogiani che chiedevano migliori condizioni lavorative fu soppressa dal governo nel sangue.

In questo mese di agosto dalla pagina Facebook la FTUWKC fa sapere che al 15 agosto 2014:

La mattina del 31 luglio 2014, l’impiantoper la produzione delle Adidas ha registrato 200 svenimenti;

Il 26 luglio 2014 sono svenute 150 persone;

Operaio in coma alla fabbrica Tla Khan nel quartiere Krangopong;
Svenimenti:
1 / Fabbrica New Pixar: 27 lavoratori / 1000
2 / impianto Omega: 25 lavoratori/3000
3 / Fabbrica Akase: 20 lavoratori/1300
4 / Fabbrica Dong Dubai: 35 lavoratori / 1850
5 / fabbrica Istanbul: lavoratori 06/610
6 / fabbrica Phat Phil: lavoratori 15/1280

per un totale di 128 persone ricoverate.

Ha detto Jyrki Raina, Segretario generale di IndustriALL:

Dobbiamo contrastare queste morti. I salari da fame dei lavoratori non garantiscono loro di nutrirsi adeguatamente e la mancanza di cibo, le lunghe ore di lavoro e le condizioni intollerabili che sopportano in fabbrica intollerabili si stanno dimostrando una combinazione letale. Continuiamo a sostenere le richieste dei sindacati cambogiani per un aumento del salario minimo per lavoratori tessili affinché possono permettersi cibo a sufficienza per vivere e non dedicare tutto il loro tempo al lavoro straordinario che li porta alla morte.

La risposta del governo di Phnom Penh è arrivata con la dichiarazione che saranno richieste sanzioni per le fabbriche che non rispettano l’accordo con il Ministero mentre le spese mediche saranno a carico del National Social Security Fund (SSC) liberando i lavoratori dallo spendere soldi per la loro salute. I medici confermano che la causa degli svenimenti è data dalla malnutrizione degli operai.

Foto | [email protected],Post Khmer

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa