Seguici su

Agricoltura

Lady PESC alle prese con l’embargo russo e il TTIP

Federica Mogherini eletta Lady PESC, ovvero Alto rappresentante per la politica estera dell’Unione Europea si trova ad affrontare due grandi sfide: l’embargo di prodotti agroalimentari in Russia e l’accordo TTIP

Dopo un tira e molla durato vari mesi ieri Federica Mogherini è stata eletta Alto rappresentante per la politica estera dell’Unione Europea. La parola buona e finale è stata messa dalla Cancelliera Angela Merkel che sta conducendo il braccio di ferro in Europa con il prezzo delle sanzioni alla Russia. Non dimentichiamo che siamo dipendenti dl gas di Putin, sopratutto la Germania, e che la guerra in atto tra la Russia e l’Ucraina si è manifestata proprio per il controllo di questa risorsa.

L’Europa ha risposto con la politica delle sanzioni e la Russia ha ribattuto con l’embargo dei prodotti agroalimentari e manufatti provenienti dall’Europa. A farne le spese però soprattutto il Made in Italy che ha visto soffrire questa estate il comparto dell’ortofrutta incluse la moda con calzature e pelletteria; anche la Germania partner commerciale della Russia sta soffrendo per il calo delle esportazioni come la Polonia che pure rifornisce grandi quantità di carne. Peraltro proprio con la Polonia i rapporti sono più tesi poiché considerata dalla Russia responsabile dell’inizio del conflitto con l’Ucraina.

Per dare dimensione della gravità dell’embargo della Russia si consideri che il ministro Martina sarà al Consiglio straordinario dei ministri dell’Agricoltura Ue (Agrifish) il prossimo 5 settembre proprio per individuare soluzioni al danno economico che stanno subendo Italia, Spagna e Grecia.

Dunque a Lady PESC, Federica Mogherini l’arduo compito di riportare alla ragione tutti i contendenti anche se proprio oggi l’annuncio di nuove sanzioni che però andranno a colpire con il divieto di acquisto dei titoli di Stato russi.

Altro spinoso capitolo che toccherà a Lady PESC sarà la questione accordo TTIP che include oltre a una serie di aperture sul fronte agroalimentare, anche estrazioni di gas scisto con il temuto fracking. L’accordo TTIP ha un valore enorme, quasi 650 miliardi di euro all’anno che rappresentano un terzo di tutto il commercio mondiale.

Saprà cavalcare Lady PESC i due mostri?

Via | ItaliaFruit

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa