Seguici su

Inquinamento

L’Aquila, sequestrata la discarica abusiva nell’aeroporto di Preturo: indagati in 5 per traffico illecito di rifiuti

La discarica abusiva posta sotto sequestro preventivo oggi dalla Forestale sorgeva in una zona interna all’aeroporto di Preturo (L’Aquila) a nord della pista d’atterraggio

In origine doveva essere un’area di sicurezza a fine pista ottenuta dal riciclo di materiali di risulta che poi erano le macerie tolte dalle strade dei paesi coinvolti nel sisma del 2009. Ma di fatto era una discarica abusiva per cui sono finite sotto inchiesta 5 persone con l’accusa di traffico illecito di rifiuti speciali. Risultano perciò sotto inchiesta l’Amministratore ed il Direttore Commerciale della Società Xpress, che gestisce l’aeroporto dei Parchi di L’Aquila; un ingegnere dipendente del Comune di L’Aquila, referente per l’Ufficio Sviluppo della struttura aeroportuale e tre imprenditori, titolari delle ditte di autotrasporti Delta Impianti s.a.s. di L’Aquila, Lunari s.r.l. di Rieti.

A disporre i sequestri Guendalina Buccella il G.I.P di L’Aquila dopo indagini durate molti mesi e coordinate dal Procuratore della Repubblica, Dr. Fausto Cardella e dal Sost. Proc. Dr. Fabio Picuti con la Squadra Mobile della Questura di L’Aquila, dal Corpo Forestale di L’Aquila e dal Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di L’Aquila. Le analisi condotte sui materiali smaltiti come rifiuti hanno evidenziato che con i mezzi pesanti delle ditte finite sotto inchiesta si trasportavano, senza le autorizzazioni previste, tutti i materiali di risulta, ossia le macerie provenienti dagli edifici crollati dopo il sisma del 2009.

Mattonelle, mattoni, marmi, plastiche, tubi, calcestruzzo, ferro e asfalto finivano a terra di risulta e interrati all’interno di una zona interna all’Aeroporto di Preturo e ciò perché l’obiettivo era di realizzare a costo zero lo smaltimento. In questo modo sono stati effettuati oltre 300 scarichi tra i mesi di marzo e di maggio del 2014 tutti ripresi dalla Sezione Crimimalità Organizzata della Squadra Mobile.

Commenta Legambiente che nel 2010 presentò il dossier Macerie Anno Zero:

Larga parte delle macerie prodotte dal sisma del 2009, a L’Aquila e nei comuni del cratere, oggi è ancora lì: se nella zona rossa della città sono state rimosse dalle strade, ci sono ancora tutte quelle crollate all’interno dei palazzi e dei cortili. E sono ancora lì anche quelle dei piccoli centri. Ed è rimasto lettera morta l’appello lanciato da Legambiente, a pochi mesi dal sisma, per la creazione di una “exit strategy” basata prevalentemente sulla filiera virtuosa del riciclo degli inerti. Ora scopriamo, senza particolare stupore, che imprenditori senza scrupoli avrebbero messo in piedi un traffico illecito di macerie smaltite nell’area dell’aeroporto di Preturo. È evidente che la responsabilità è anche di quanti non hanno voluto farsi carico di trovare una soluzione tempestiva e trasparente al “problema macerie”.

Via | Corpo Forestale dello Stato
Foto | Corpo Forestale dello Stato @ Facebbok

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa