Seguici su

Clima

Il 48 per cento della ricchezza mondiale è in mano a 80 persone

Oxfam ha pubblicato il Rapporto Grandi disuguaglianze dove emerge che nel 2016 la ricchezza detenuta dall’1% della popolazione mondiale supererà quella del restante 99%.

La ricchezza del Pianeta è detenuta nella mani di pochissimi privilegiati: circa l’1 per cento di questa elite di super ricchi nel 2016 supererà per averi il 99 per certo dei restanti abitanti. Se lo scorso anno erano 85 i ricchissimi del Pianeta, quest’anno la quota è scesa a 80 che messi assieme detengono la ricchezza del 50 per cento della popolazione più povera, ovvero di 3,5 miliardi di persone.

Alla vigilia del World Economic Forum di Davos, il consueto incontro tra le potenze economiche del pianeta che si tiene nella cittadina svizzera dal 21 al 24 gennaio, Oxfam ha presentato il Rapporto Grandi disuguaglianze dove emerge che oltre un miliardo di persone oggi vive con meno di 1,25 dollari al giorno e 1 su 9 non ha abbastanza cibo.

Negli ultimi anni l’escalation concentrata nelle mani di questa elite è andata incrementandosi costantemente: nel 2009 l’1 per cento dei super ricchi possedeva il 44 per cento della ricchezza; nel 2014 la quota è balzata al 48 per cento e nel 2016 arriverà al 50 per cento. Ciò significa che mediamente ogni super ricco ha avuto 2,7 milioni di dollari. La restante ricchezza globale, nel 2014, ovvero il 52 per cento p stata nelle mani di un quinto della popolazione mondiale mentre un 5,5 per cento è stato nelle mani dell’80 per cento del resto del mondo pari, ovvero a 3,851 dollari pro capite. Una situazione decisamente pesante per cui Winnie Byanyima, direttrice esecutiva di Oxfam International, ha detto che proprio al World Economic Forum di Davos sarà importante fare pressione affinché sia posta una efficace azione che argini l’elusione fiscale delle grandi multinazionali partendo proprio dalla lotta ai cambiamenti climatici attraverso l’adozione di un trattato su scala globale.

Ha detto Byanyima:

Vogliamo davvero vivere in un mondo dove l’1% possiede più di tutti noi messi insieme? La portata della disuguaglianza è semplicemente sconcertante e nonostante le molte questioni che affollano l’agenda globale, il divario tra i ricchissimi e il resto della popolazione mondiale rimane un totem, con ritmi di crescita preoccupanti. Negli ultimi 12 mesi, i leader mondiali – dal Presidente Obama a Christine Lagarde – hanno più volte ribadito quanto necessario e importante sia affrontare il tema della grande disuguaglianza. Ma ancora poco è stato fatto in termini concreti ed è arrivato il momento per i nostri leader di prendersi carico degli interessi della stragrande maggioranza per intraprendere un cammino verso un mondo più giusto per tutti.

I miliardari, la cui liquidità è cresciuta dell’11 per cento da marzo 2013 a marzo 2014 hanno interessi nei settori finanziario e assicurativo e rappresentano una durissima lobby che fa pressioni a Washington e Bruxelles. Altro campo di interesse sono i settori farmaceutico e sanitario che pure ha una lobby imponente che nel solo 2013 ha speso 500 milioni di dollari per far valere i suoi interessi sia in Europa e sia negli Stati Uniti.

E la concentrazione di ricchezza nelle mani di pochi non è solo disuguaglianza ma un vero e proprio danno economico per la crescita globale.

Via | Oxfam

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa