Seguici su

Uncategorized

Brescia, tre arresti per disastro ambientale

Tre dirigenti di due aziende di Dello e Ospitaletto sono stati arrestati con l’accusa di disastro ambientale e traffico illecito di rifiuti

Tre dirigenti di due aziende del bresciano specializzate nel noleggio di panni tecnici per pulizie industriali sono stati arrestati con le accuse di traffico illecito di rifiuti e disastro ambientale.

Le tre persone alle quali sono state applicate le misure cautelari sono l’amministratore di fatto e l’amministratore unico di una spa con sede legale e insediamento produttivo a Dello e l’amministratore unico di in una srl con sede a Ospitaletto.

Il triplice arresto è il frutto di una complessa e laboriosa attività di indagine del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale e Forestale di Brescia sotto il coordinamento della Direzione distrettuale antimafia della Procura della Repubblica.

I tre dirigenti fornivano i panni alle aziende, li ritiravano per il lavaggio e li riconsegnavano per il nuovo impiego: secondo quanto accertato dagli inquirenti, i panni speciali non subivano i necessari trattamenti di eliminazione dei residui industriali previsti dalle normative, prima dei successivi utilizzi. Operando in contrasto alle normative, gli indagati non garantivano la tracciabilità dei panni, non rispettavano le norme sul trasporto di prodotti pericolosi, violavano le norme di sicurezza sui luoghi di lavoro e non rispettavano le regole che impongono il lavaggio dei panni tecnici nei locali del soggetto che ne effettua il noleggio.

Secondo quanto accertato erano altre aziende esterne, anche non autorizzate, a effettuare i lavaggi. A Dello sarebbero avvenuti anche sversamenti di sostanze liquide pericolose e sarebbe proprio l’inquinamento del sottosuolo e delle falde acquifere a configurare il reato di disastro ambientale per i tre amministratori delle aziende bresciane.

Il sindaco di Dello, Ettore Monaco, si è detto particolarmente turbato, anche perché lo stesso comune, nel 2010, fu interessato da un grave caso di inquinamento da trielina nella zona artigianale del Ponte Rosso. I valori riscontrati all’epoca dell’incidente nella prima falda furono 23mila volte superiori ai limiti di legge.

Via | Brescia Oggi

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa