Seguici su

Alimentazione

Ségolène Royal e la polemica Francia-Italia su Nutella

Il ministro dell’agricoltura francese dice di smettere di mangiare Nutella e la politica italiana s’indigna (e la mangia per cena)

In Francia c’è un ministro dell’ambiente che fa veramente il ministro dell’ambiente e noi di Ecoblog vi abbiamo raccontato a più riprese delle sue battaglie contro i pesticidi. Lunedì scorso, durante la trasmissione Petit Journal di Canal+ Ségolène Royal ha “sconfinato” e ha parlato della crema spalmabile più famosa del Mondo:

Bisogna ripiantare massivamente degli alberi perché c’è stata una deforestazione massiva che provoca anche un riscaldamento climatico, bisogna smettere di mangiare Nutella, per esempio, perché è fatta con olio di palma.

Il presentatore ribatte che “la Nutella è buona” e il ministro dell’ambiente insiste spiegando che l’olio di palma è una delle principali cause della deforestazione e che occorre usare altre materie prime.

Apriti cielo! In Italia la reazione della politica arriva immediata, su Twitter, con un messaggio a 140 caratteri del ministro dell’agricoltura Gian Luca Galletti: “Segolene Royal (senza accenti nell’originale, ndr) sconcertante: lasci stare i prodotti italiani. Stasera per cena… pane e #Nutella”.

E ieri, durante la visita all’Expo e a favore delle telecamere, la moglie del presidente del Consiglio, Agnese Renzi, accompagnata dalla figlia, ha ordinato una crêpe alla Nutella e chantilly. Al coro degli indignati si sono unite numerose voci, fra cui quella di Michele Anzaldi del Pd che ha parlato di “grave e brutto scivolone della Francia” su di una “eccellenza italiana” da parte di “Segolene Royal” (senza accenti nell’originale, ndr). Anzaldi prende a cuore la difesa della Nutella tanto da fornire il link alla pagina in cui Ferrero ammette di usare “olio del frutto di palma 100% certificato come sostenibile e ‘segregato’ RSPO”.

Nella narrazione dell’attuale Governo, quindi, la Nutella diventa un’eccellenza. Viene da chiedersi perché la politica non si schieri così compatta di fronte al fenomeno del cibo e del vino “taroccati”, di quell’Italian sounding che costa alle aziende italiane milioni di euro ogni anno e va a colpire vere eccellenze e non prodotti a basso costo pensati per le masse.

Da Ségolène Royal (quella con gli accenti) è arrivata ieri la replica alla polemica sulla Nutella:

Mille scuse per la polemica sulla #Nutella. D’accordo per sviluppare il progresso.

Ferrero non è voluta entrare nel merito della polemica, ma ha tenuto a ribadire i “numerosi impegni” relativi al “suo approvvigionamento di olio di palma”. L’azienda albese si rifornisce in Malesia, in Papua-Nuova Guinea e in Brasile.

Non è la prima volta che dalla Francia arriva un attacco alla Nutella: nel 2012 alcuni senatori francesi avevano tentato, in vano, di far votare una sovratassa del 300% sull’olio di palma contenuto nella crema da spalmare, argomentando sulla pericolosità di quest’olio per salute (obesità) e per l’ambiente (deforestazione).

Un modo per mettere una pietra tombale sulla polemica ci sarebbe: non usare olio di palma, come fa, per esempio, Novi con la sua crema di nocciole. Ma i costi di produzione aumenterebbero rendendo il prezzo del prodotto meno concorrenziale, un lusso che una multinazionale come Ferrero non può permettersi.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa