Seguici su

ENERGIE

Nucleare, Giappone: riapre il reattore n.1 di Fukushima

Domani riapre il reattore n.1 di Fukushima. Il premier Shinzo Abe esprime soddisfazione, mentre si susseguono le proteste degli attivisti ambientalisti

Il Giappone del leader nazionalista Shinzo Abe non fa marcia indietro sull’energia atomica. Dopo il drammatico incidente di quattro anni fa, domani (alle 10.30 ora locale, 3.30 ora italiana) l’unità n.1 della centrale di Sendai, sull’isola sud occidentale di Kyushu, sarà riattivata. Ad annunciarlo è stata la Kyushu Electric Power, società di distribuzione energetica del Sol Levante. Secondo la compagnia, nella giornata di oggi, sono stati effettuate le verifiche in programma, tra cui quella sulle barre di combustibile.

Il riavvio delle centrali nucleari confermate come sicure è importante nella nostra politica energetica”, ha dichiarato il premier nipponico, che sembra non curarsi delle proteste degli attivisti ambientalisti che si susseguono in queste ore, sia nella capitale sia a Fukushima. Tra i vari gruppi che stanno manifestando anche quello di gruppo Sealds (Stu­dents Emer­gency Action for Libe­ral Democracy), il quale si oppone al nucleare e al riarmo.

In questo modo, Tokyo cerca di scoraggiare anche quei cittadini che, nell’aprile scorso, hanno vinto il ricorso legale per fermare la riapertura di due reattori della centrale nucleare di Takahama. Il Tribunale di Fukui, infatti, ha sentenziato che i reattori non rispettavano le norme sismiche, e gli ambientalisti hanno esultato per la decisione.

A settembre dello scorso anno, l’impianto di Sendai è stato il primo a soddisfare i requisiti sulla sicurezza introdotti nel 2013; requisti che il governo definisce oggi tra “i più severi al mondo“. Tuttavia, i sondaggi dicono che la maggioranza dei giapponesi non si fida ed è contraria alla riapertura delle centrali. Inoltre, lo smantellamento procede a rilento. La paura di procurarsi danni alla salute e di essere additati come hibakusha (termine con cui dai tempi di Hiroshima vengono definiti in maniera spregiativa gli individui esposti alle radiazioni) ha fatto calare drasticamente il numero dei lavoratori per la messa in sicurezza.

Infine, come già segnalato su Ecoblog, evidenziamo che il prossimo 5 settembre l’ordine di evacuzione di molte città verrà definitivamente revocato. Eppure gli attivisti di Greenpeace, misurando il tasso di radioattività sul terreno, rilevano che per loro i rischi restano ancora alti.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa