Seguici su

Clima

COP21, Pierre Rabhi: “Il mondo rinunci alla logica della crescita illimitata”

Il padre dell’agroecologia mette in guardia dai rischi di una Conferenza sul clima conservativa dell’ordine attuale

Pierre Rabhi è un personaggio straordinario, un contadino-filosofo di cui noi di Ecoblog abbiamo già parlato in più di un’occasione. A un mese dall’inizio della COP21, Frédéric Cazenave di Le Monde è andato a intervistarlo nella sua fattoria di Montchamp, nell’Ardèche.

Le previsioni sulla COP21 di Rabhi non sono affatto ottimistiche, perché secondo il pensatore d’Oltralpe c’è un errore di fondo:

Io faccio fatica a credere che i cambiamenti strutturali verranno messi in atto. Bisogna entrare in una nuova era, quella della moderazione: moderazione dei consumi e della produzione. Gli Stati decideranno di arrestare la pesca industriale e l’agricoltura intensiva, cessando così di sfruttare gli oceani e la terra? Rifletteranno su una giusta distribuzione delle risorse fra il Nord e il Sud del mondo? Io non credo. Eppure è un’urgenza, perché non è il pianeta a essere in pericolo, ma l’umanità. La Terra ha visto ben altro. Quello che rimprovero alla COP21 è di far credere che queste discussioni permettono di risolvere i problemi, mentre non si mettono in discussione le sorgenti dei disequilibri. Si tratta dello stesso atteggiamento dell’umanitarismo, che consiste nell’essere generosi verso persone che il modello ha reso indigenti.

[related layout=”big” permalink=”https://ecoblog.lndo.site/post/160062/cop21-conferenza-clima-parigi”][/related]
L’alimentazione, tema caro a Rabhi, è uno degli aspetti più evidenti di questo disequilibrio: al Nord abbiamo lo spreco alimentare e una produzione che distrugge il suolo e l’ambiente, al Sud ci sono popoli che soffrono una penuria cronica.

Secondo Rabhi, insomma, la COP21 rischia di diventare un grande evento promozionale per vendere al mondo l’immagine di una politica internazionale in grado di cambiare verso per ciò che riguarda l’attenzione all’ambiente. Il cambio di paradigma deve essere radicale:

Bisogna evolvere, abbandonare il culto di una crescita indefinita, sempre di più, di questa accumulazione di beni che pretende di fare la nostra felicità. Il consumo di ansiolitici e le ineguaglianze senza sosta dimostrano il contrario. Bisogna impegnarci nel sostegno alla moderazione e alla sobrietà.

[related layout=”right” permalink=”https://ecoblog.lndo.site/post/50589/in-francia-i-colibris-volano-alto”][/related]Un buon inizio è tutelare gli agricoltori che sfamano il mondo, ma vengono regolarmente umiliati e progressivamente impoveriti da un sistema-mondo malfunzionante. Le vie d’uscita? Ci sono ma vanno sostenute dalla politica: le nuove forme di economia e di agricoltura, le energie rinnovabili e l’educazione dimostrano quante siano le alternative a “un modello moribondo” quello della “crescita economica a tutti i costi”.

Come si concilia la ripresa dopo la crisi economica con la salvaguardia dell’ambiente e dell’umanità? Semplice: con modelli di sviluppo sostenibile che segnino una discontinuità con il passato.

Via | Le Monde

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa