Global warming: in Sudafrica la peggiore siccità da 30 anni | Video

Il Sudafrica sta attraverso un lunghissimo periodo di siccità, il peggiore degli ultimi 30 anni e la mancanza d'acqua mette in gravissime difficoltà gli allevatori e gli agricoltori.

Molti animali muoiono a causa della sete e della fame, perché la siccità non fa crescere abbastanza erba per sfamare tutti. Ogni giorno gli allevatori devono fare la conta delle carcasse che restano sul terreno disseccato diventano alimento per cani. Alcune mucche e i loro vitelli diventano troppo deboli e quando finalmente trovano l'acqua nelle pozze del lago artificiale di Molatedi, che si è prosciugato al 95%, restano intrappolate nel fango e muoiono. Gli allevatori preferiscono vendere gli animali prima che sia troppo tardi.

Anche l'agricoltura ha moltissimi problemi perché i sistemi di irrigazione sono fermi e le falde sono asciutte. Non possono piantare il mais finché non piove e sono costretti ad aspettare. Inoltre, a causa dei prezzi delle derrate alimentari in aumento, le conseguenze drammatiche potrebbero estendersi a tutta l'Africa australe.

L'export è ormai ridotto a zero, come fa notare Arno van Vuuren, responsabile del consorzio agricolo del Sudafrica nord-occidentale, e sarà dunque necessario incrementare le importazioni.

La popolazione locale si affida ai riti propiziatori dei guaritori tradizionali, ma per ora nessuna danza della pioggia ha purtroppo funzionato.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail