Seguici su

Clima

La perla di Tahiti “vittima” del global warming

Le ostriche sono minacciate dall’acidificazione delle acque marine

[blogo-video id=”160810″ title=”La perla di Tahiti minacciata dal global warming” content=”” provider=”askanews” image_url=”http://engine.mperience.net/cdn/static/img/tmnews/20151124_video_10324940.jpg” thumb_maxres=”0″ url=”20151124_video_10324940″ embed=”PGRpdiBpZD0nbXAtdmlkZW9fY29udGVudF9fMTYwODEwJyBjbGFzcz0nbXAtdmlkZW9fY29udGVudCc+PHNjcmlwdCB0eXBlPSJ0ZXh0L2phdmFzY3JpcHQiIHNyYz0iaHR0cDovL2VuZ2luZS5tcGVyaWVuY2UubmV0L0VuZ2luZVdpZGdldC9zY3JpcHRzL3dpZGdldF8xIj48L3NjcmlwdD48ZGl2IGNsYXNzPSJtcGVfd2lkZ2V0IiBkYXRhLW1wZT0ndHlwZT1wbGF5ZXJ8YXBwSWQ9MTl8dGFyZ2V0SWQ9MjAxNTExMjRfdmlkZW9fMTAzMjQ5NDB8cGxheWVyT3B0aW9ucz17ImF1dG9wbGF5Ijoibm9uZSIsImFkdlVSTCI6Imh0dHA6Ly9vYXMucG9wdWxpc2VuZ2FnZS5jb20vMi92aWRlby5ibG9nby5pdC9hc2thbmV3cy9wbGF5ZXJAeDUwIiwidXNlSW1hU0RLIjp0cnVlfSc+PC9kaXY+PHN0eWxlPiNtcC12aWRlb19jb250ZW50X18xNjA4MTB7cG9zaXRpb246IHJlbGF0aXZlO3BhZGRpbmctYm90dG9tOiA1Ni4yNSU7aGVpZ2h0OiAwICFpbXBvcnRhbnQ7b3ZlcmZsb3c6IGhpZGRlbjt3aWR0aDogMTAwJSAhaW1wb3J0YW50O30gI21wLXZpZGVvX2NvbnRlbnRfXzE2MDgxMCAuYnJpZCwgI21wLXZpZGVvX2NvbnRlbnRfXzE2MDgxMCBpZnJhbWUge3Bvc2l0aW9uOiBhYnNvbHV0ZSAhaW1wb3J0YW50O3RvcDogMCAhaW1wb3J0YW50OyBsZWZ0OiAwICFpbXBvcnRhbnQ7d2lkdGg6IDEwMCUgIWltcG9ydGFudDtoZWlnaHQ6IDEwMCUgIWltcG9ydGFudDt9PC9zdHlsZT48L2Rpdj4=”]

Anche se gli effetti dei cambiamenti climatici negli Oceani sono meno visibili di quelli sulla terraferma, il global warming sta trasformando molti degli equilibri della vita marina. Fra le “vittime” meno note del riscaldamento globale vi è la perla di Tahiti, una pregiata biglia di madreperla che è una delle ricchezze dell’economia polinesiana.

Il gioiello si estrae dall’ostrica locale, la Pinctada Margaritifera che è meglio conosciuta come “di Tahiti” per esigenze di marketing. In realtà, infatti, nasce a diverse centinaia di chilometri dalla più nota isola dell’arcipelago polinesiano. La sua coltivazione, infatti, avviene nella lagune degli arcipelaghi delle Tuamotu e delle Gambiers.

L’aumento delle temperature e dell’acidificazione delle acque marine è una minaccia per un’attività che coinvolge 1300 persone nelle coltivazioni di perle, circa 8000 persone se si considera tutta la filiera produttiva. I dati relativi al 2014 ci dicono che la perla di Tahiti ha fruttato alle casse della Polinesia francese un flusso di 74 milioni di euro, con un export diretto che raggiunge prevalentemente lo “snodo” commerciale di Hong Kong e il mercato giapponese.

Il governo della Polinesia ha lanciato un programma di ricerca di concerto con la filiera perlifera in modo da trovare le soluzioni per far fronte alle conseguenze climatiche sul delicato habitat delle ostriche.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa