Seguici su

Agricoltura

Smetteremo di mangiare le banane?

La “peste delle banane” si sta diffondendo a macchia d’olio in tre continenti mettendo a rischio la sopravvivenza del frutto più venduto e mangiato al mondo

[blogo-gallery id=”160979″ layout=”photostory”]

La malattia di Panama, più nota come “la peste delle banane” si sta diffondendo in tre continenti mettendo seriamente a rischio la produzione del frutto più venduto e mangiato al mondo.

La patologia – causata dal fungo Fusarium oxysporum – è nota sin dagli anni Cinquanta e torna periodicamente a minacciare le piantagioni di tutto il mondo. Ma se in passato la malattia era stata circoscritta, ora c’è il rischio che raggiunga il Sud America, luogo nel quale si concentrano i tre quinti della produzione mondiale.

Secondo i ricercatori dell’olandese Wageningen University, ciò potrebbe accadere fra poco tempo e a essere a rischio sono soprattutto le banane della varietà Cavendish, quelle che troviamo nei supermercati italiani e che invadono 12 mesi l’anno i mercati del mondo occidentale con un fatturato di 13 miliardi l’anno.

La varietà Cavendish aveva sostituito le Gros Michael, scomparse a causa dello stesso fungo, ma, di fatto, si è commesso lo stesso errore: invece di diversificare, stimolando quella biodiversità che è la principale strategia per ovviare a problemi di questo tipo, si è praticata una monocultura che ora presenta il conto.

[related layout=”big” permalink=”https://ecoblog.lndo.site/post/70085/the-fruit-hunters-bill-pullman-apre-cinemambiente-2013-con-lelogio-della-frutta”][/related]Gli esperti dell’università olandese hanno spiegato che il Fusarium oxysporum è particolarmente pericoloso per due motivi: 1) è resistente a qualsiasi agente chimico, 2) le varietà prodotte per il consumo alimentare derivano da ibridazioni che producono un frutto sterile e devono essere riprodotte per talea (fattore che diminuendo la variabilità genetica le rende maggiormente esposte all’azione di questo parassita).

L’ultima ondata della malattia di Panama (che colpisce le radici espandendosi a tutta la pianta) è particolarmente aggressiva e il timore è che il parassita, una volta arrivato in Sud America, aggredisca le piantagioni dove cresce il 60% della produzione mondiale. Nel 2014 sono arrivati in Italia 690 milioni di chili, con un aumento dei consumi del 7% rispetto all’anno precedente e un consumo pro-capite di 11,5 chilogrammi all’anno.

Se il Fusarium oxysporum dovesse propagarsi nelle aree maggiormente coltivate, oltre a privare del frutto miliardi di persone, infliggerebbe un pesante contraccolpo economico a circa 400 milioni di persone che organizzano la propria economia sulla coltivazione delle banane.

Via | Plos | Huffington Post

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa