Seguici su

Moto

EICMA 2018: ecco LiveWire, la moto elettrica Harley-Davidson

La prima moto elettrica di Harley-Davidson è finalmente nata ad EICMA 2018: in vendita da agosto 2019.

moto elettrica harley-davidson livewire

[blogo-video id=”177475″ title=”2020 LiveWire | Harley-Davidson” content=”” provider=”youtube” image_url=”https://media.ecoblog.it/4/401/maxresdefault-jpg.png” thumb_maxres=”1″ url=”https://www.youtube.com/watch?v=wU1Hv8uuDY4″ embed=”PGRpdiBpZD0nbXAtdmlkZW9fY29udGVudF9fMTc3NDc1JyBjbGFzcz0nbXAtdmlkZW9fY29udGVudCc+PGlmcmFtZSB3aWR0aD0iNTAwIiBoZWlnaHQ9IjI4MSIgc3JjPSJodHRwczovL3d3dy55b3V0dWJlLmNvbS9lbWJlZC93VTFIdjh1dURZND9mZWF0dXJlPW9lbWJlZCIgZnJhbWVib3JkZXI9IjAiIGFsbG93PSJhY2NlbGVyb21ldGVyOyBhdXRvcGxheTsgZW5jcnlwdGVkLW1lZGlhOyBneXJvc2NvcGU7IHBpY3R1cmUtaW4tcGljdHVyZSIgYWxsb3dmdWxsc2NyZWVuPjwvaWZyYW1lPjxzdHlsZT4jbXAtdmlkZW9fY29udGVudF9fMTc3NDc1e3Bvc2l0aW9uOiByZWxhdGl2ZTtwYWRkaW5nLWJvdHRvbTogNTYuMjUlO2hlaWdodDogMCAhaW1wb3J0YW50O292ZXJmbG93OiBoaWRkZW47d2lkdGg6IDEwMCUgIWltcG9ydGFudDt9ICNtcC12aWRlb19jb250ZW50X18xNzc0NzUgLmJyaWQsICNtcC12aWRlb19jb250ZW50X18xNzc0NzUgaWZyYW1lIHtwb3NpdGlvbjogYWJzb2x1dGUgIWltcG9ydGFudDt0b3A6IDAgIWltcG9ydGFudDsgbGVmdDogMCAhaW1wb3J0YW50O3dpZHRoOiAxMDAlICFpbXBvcnRhbnQ7aGVpZ2h0OiAxMDAlICFpbXBvcnRhbnQ7fTwvc3R5bGU+PC9kaXY+”]

Ad EICMA 2018 in mostra, per la prima volta in Europa, la Harley-Davidson LiveWire, prima moto elettrica della casa americana. Si tratta del debutto nel Vecchio Continente, ma la commercializzazione non inizierà prima di agosto 2019.

Non tutte le caratteristiche tecniche della LiveWire sono state svelate, ma da quello che già si sa si evince che sarà una moto elettrica di alto livello e con soluzioni molto interessanti.

Il motore elettrico, a magneti permanenti, è montato nella parte bassa del telaio. Ciò abbassa il centro di gravità della moto e ne dovrebbe incrementate la stabilità in curva anche a velocità sostenuta.

Una curiosità proprio sul motore: non facendo rumore come un classico motore termico, per aumentare il piacere di guida Harley-Davidson ha deciso di fargli fare rumore in maniera artificiale con un sibilo che aumenta di volume man mano che il guidatore spinge sull’acceleratore.

H-D ha lavorato molto sul telaio e sulle sospensioni per aumentare la stabilità di questa due ruote elettrica, nonostante l’elevato peso della batteria posizionata al centro del telaio. Ad esempio le sospensioni sono prodotte da Showa e sono completamente regolabili.

Non è noto il peso della LiveWire, ma per frenarlo al meglio la moto è dotata di pinze freno anteriori Brembo Monoblock su dischi da 300 mm. Di serie ci sono ABS e TCS mentre gli pneumatici sono Michelin Scorcher.

[blogo-gallery id=”177502″ layout=”photostory”]

L’elettronica di bordo prevede 7 diverse modalità di guida, 4 delle quali sono preimpostate di fabbrica e 3 sono customizzabili dal cliente.

Tutte le funzioni, dalla modalità di guida all’ascolto della musica, passano attraverso un display TFT a colori touch screen ad alto contrasto montato sul manubrio e con inclinazione regolabile.

La batteria è a ioni di litio e le celle sono avvolte da un profilo in alluminio alettato che le protegge e le raffredda per evitare il degradamento delle prestazioni durante i viaggi più lunghi.

La Harley-Davidson LiveWire è dotata anche di una piccola batteria supplementare a ioni di litio e 12 Volt, dedicata solo all’alimentazione delle luci, dei comandi, della strumentazione e del clacson.

Per quanto riguarda la ricarica, infine, è disponibile un cavo sotto la sella in standard Level 1 (presa domestica, ricarica molto lenta) ma questa moto elettrica è compatibile anche con le colonnine veloci Level 2, Level 3 e DC Fast Charge (DCFC).

[related layout=”big” permalink=”https://ecoblog.lndo.site/post/177385/eicma-2018-tutti-i-mezzi-ecologici”][/related]

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa