Seguici su

Clima

Riscaldamento dei mari: nuove specie aliene in Liguria

I cambiamenti climatici legati al riscaldamento globale hanno contribuito all’invasione di specie aliene nel mar Ligure, ora popolato da organismi originari di mari e climi ben più caldi

riscaldamento mari invasione specie aliene liguria

cambiamenti climatici e il conseguente riscaldamento dei mari mettono a rischio anche l’equilibrio del Mar Mediterraneo. Con un processo di “tropicalizzazione“, le acque dei nostri mari si scaldano e la fauna e la flora che popolano le nostre acque cambiano preoccupando gli scienziati: i ricercatori dell’ENEA hanno trovato nel Mar Ligure specie aliene, provenienti dai mari tropicali.

Piccoli organismi originari delle Galapagos, mini crostacei giapponesi e plancton originario del sud-est asiatico, sono stati individuati nel Golfo della Spezia nell’ambito del progetto di monitoraggio messo in piedi dai ricercatori di ENEA, dell’università di Pavia e dello Smithsonian Environmental Research Center (SERC).

Per poter rilevare queste specie aliene nelle acque liguri, i ricercatori si sono avvalsi di 50 pannelli in PVC (14×14 cm), posizionati a 1 metro sotto il livello del mare, per far sì che gli organismi marini incrostanti vi si attaccassero colonizzandoli.

Dopo tre mesi di immersione, i pannelli sono stati sottoposti ad alcune analisi biologiche presso il Centro Ricerche Ambiente Marino dell’ENEA di Santa Teresa sul golfo della Spezia.

[related layout=”big” permalink=”https://ecoblog.lndo.site/post/171416/cambiamenti-climatici-innalzamento-dei-mari-riscaldamento-globale”][/related]

Questi test hanno permesso anche di acquisire informazioni sui percorsi che le specie marine aliene seguono più di frequente per invadere un ecosistema e quali sono i siti biologici più suscettibili ad una invasione.

[img src=”https://media.ecoblog.it/1/1a8/watersipora-arcuata-riscaldamento-globale-mar-ligure.jpg” alt=”Watersipora arcuata riscaldamento globale mar ligure” align=”center” size=”large” id=”177732″]

Ogni pannello è stato colonizzato da un’abbondante comunità di specie native e non, alcune ancora mai segnalate nel golfo della Spezia, come ad esempio la specie di briozoo Watersipora arcuata, proveniente dall’Oceano Pacifico”, spiega Agnese Marchini del Dipartimento di Scienze della Terra e dell’Ambiente dell’Università di Pavia. “Le specie aliene, in continuo aumento nel Mediterraneo, alterano le comunità e gli ecosistemi marini e rappresentano una minaccia per la biodiversità”, aggiunge la dottoressa Marchini.

Nei prossimi mesi i ricercatori utilizzeranno i campioni raccolti per eseguire ulteriori analisi. I risultati, attesi per il 2019, saranno utili per creare uno storico al fine di comprendere come questi fenomeni avvengono anche nel Mediterraneo.

[related layout=”big” permalink=”https://ecoblog.lndo.site/post/163205/loceano-scotta-e-le-coltivazioni-di-alghe-sono-a-rischio”][/related]

Siamo riusciti a dimostrare che questo protocollo ideato per ambienti costieri oceanici è applicabile come standard internazionale anche in un contesto mediterraneo e renderà possibile confrontare dati provenienti da diverse parti del mondo monitorando nel tempo diversità e abbondanza di specie marine non-indigene in siti ad alto rischio di introduzione, come porti, marine turistiche e impianti di mitilicoltura”, evidenzia infine Michele Repetto del SERC.

A cura di: Tommaso Marcoli

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa