Energie rinnovabili: Volkswagen le sceglie per i suoi stabilimenti

Grande attenzione per l'ambiente da parte di Volkswagen, che punta sulle rinnovabili per rendere più green i suoi impianti, con l'obiettivo di giungere alla produzione free carbon.

Volkswagen punta in modo deciso verso una produzione neutrale in termini di CO2 entro il 2050. La casa automobilistica tedesca è sulla buona strada, ma si è posta ulteriori e ambiziosi obiettivi nel 2020 per accelerare la tempistica, anticipando alcune tappe nel processo di diffusione delle energie rinnovabili come fonti per l'approvvigionamento dei suoi impianti produttivi.

Andreas Tostmann, membro del consiglio di amministrazione del marchio Volkswagen per la produzione e la logistica, ha dichiarato: "Vogliamo aumentare in modo significativo la quantità di energia verde acquistata per i nostri stabilimenti".

La fornitura esterna di energia nei 16 impianti mondiali del marchio della Bassa Sassonia (esclusa la Cina) è già passata al 70% di elettricità verde da fonti rinnovabili. La società ha ora deciso di aumentare questa cifra al 90% in un solo anno.

Volkswagen sta inoltre convertendo a gas i propri impianti di produzione energetica interna. La fornitura per il sito produttivo principale di Wolfsburg è già in fase di passaggio ed entro il 2022 farà leva su sistemi a turbina a gas combinati ad alta efficienza (CCGT). Saranno gestiti in modalità di cogenerazione: le emissioni di CO2 derivanti dalla produzione di elettricità e calore diminuiranno di conseguenza del 60% o di circa 1,5 milioni di tonnellate all'anno. Ciò equivale alle emissioni di circa 870.000 auto. Con queste scelte, Volkswagen fornirà anche un contributo a lungo termine alla stabilità della rete nazionale e del sistema elettrico in Germania.

  • shares
  • Mail