Allarme neve: prevista a Roma tra giovedì e venerdì

In Italia è arrivata Morgana, la perturbazione invernale che da ieri ha abbassato le temperature di molto (facendole rientrare in valori piu stagionali), e a Roma è allarme neve: secondo il direttore di ilmeteo.it Antonio Sanò nella giornata di oggi ci saranno precipitazioni nevose al di sotto dei 500m s.l.m. e forti temporali interesseranno la Capitale.

Tra martedì e mercoledì l'Orso Siberiano proveniente dalla Russia valicherà le Alpi rafforzando il ciclone Morgana con aria fredda e neve, dando vita a precipitazioni che interesseranno Roma tra giovedì e venerdì.

Con le temperature di oggi, non esattamente invernali nonostante il maltempo, è pressoché impensabile immaginare la neve a Roma eppure, secondo i meteorologi, non è una possibilità così tanto remota, anche se viene snocciolata con le dovute cautele.

Neve a Roma. Si ricorderanno in molti ciò che è accaduto lo scorso anno, quando due nevicate piuttosto consistenti bloccarono completamente la città che

non abituata a questi eventi eccezionali ha reagito piuttosto bene. Chiediamo una commissione d'inchiesta, non c'è stato un servizio di previsioni adeguato da parte della Protezione Civile

aveva dichiarato il sindaco Gianni Alemanno lo scorso anno, scatenando una polemica con la Protezione Civile, "colpevole" di non aver segnalato il rischio in modo adeguato e in tempi giusti.

Questa volta anche al Campidoglio sono stati informati:

il bollettino meteorologico ufficiale disegna il quadro previsionale fino a martedì. A causa delle variabili meteorologiche, infatti, le previsioni oltre i tre giorni non sono affidabili

informano dal Comune di Roma, che ha già provveduto a distribuire 250 tonnellate di sale ai vari Municipi, mentre altre 210 tonnellate sono pronte per il dipartimento Grande viabilità; la prossima settimana ne arriveranno altre 1.000, che verranno immagazzinate nei depositi della Protezione civile romana.

Polemiche dello scorso anno a parte è evidente che i problemi di mobilità e infrastrutturali della Capitale, in emergenza traffico da quasi un decennio (quando c'è bel tempo, figurarsi con la neve), e l'eccezionalità dell'evento neve a Roma rappresentano una problematica importante da affrontare, per non rischiare di bloccare un'intera città.

Per evitare ulteriori brutte figure e sopratutto il panico creatosi lo scorso anno (con centinaia di cittadini costretti ad abbandonare la macchina sul Grande Raccordo Anulare ed altrettanti bloccati sui treni da e per Roma) l'Ospol (Organizzazione sindacale delle polizie locali) lamenta il fatto che i vigili urbani capitolini non sono ancora attrezzati per l'eventuale rischio neve.

Le auto hanno solo catene da montare all'occorrenza e inutilizzabili in caso di pochi centimetri di neve. Anche i giacconi invernali l'anno scorso hanno fatto cilecca nella loro impermeabilità. [...] Chiediamo l'immediata assegnazione al personale di almeno 20 motoslitte, una per ogni comando municipale, l'installazione di gomme anti-neve per le autovetture adibite al pronto intervento e la fornitura dello stesso vestiario assegnato al personale della protezione civile

Una richiesta, motoslitte a parte (che personalmente mi risulta un po' eccessiva, non trovandosi Roma sulle Dolomiti ma solo su sette colli), che mostra nuovamente lo stato di criticità in cui versa l'organizzazione romana in caso di eventi atmosferici "eccezionali".

La Protezione civile di Roma fa sapere che

stiamo seguendo molto attentamente l'evolversi della situazione meteorologica ed abbiamo già adottato tutti i piani di emergenza contro il rischio neve e ghiaccio, in modo da rispondere con la massima immediatezza ad un eventuale peggioramento delle condizioni meteo

nella speranza che non si verifichino i forti disagi dello scorso anno. Certo è che "prevenire è meglio che curare" e viene fuori solo oggi, a quasi un anno dalla nevicata di febbraio 2012, che di prevezione, come troppo spesso accade, se ne è fatta ben poca.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail