Seguici su

Auto Elettriche

Steven Chu segretario energia Usa: più auto elettriche e meno petrolio straniero

Steven Chu segretario per l’energia dimissionario annuncia che le auto elettriche sottrarranno agli Usa la dipendenza dal petrolio straniero.

La soluzione alla crisi energetica di Steven Chu segretario per l’Energia e ora dimissionario del governo Obama è semplice: più auto elettriche e meno petrolio importato dall’estero. L’annuncio al Washington Auto Show.

Durante il discorso tenuto al Washington Auto Show il segretario Chu ha spiegato:

Gli Stati Uniti importano circa 1 miliardo di dollari di petrolio straniero ogni giorno che serve soprattutto al settore dei trasporti. Ridurre questa importazione avrebbe un impatto di vasta portata sia per la sicurezza nazionale sia economica salvando il denaro delle famiglie americane e delle imprese.


Dunque la soluzione individuata è l’auto elettrica e Chu ha aggiunto:

Abbiamo bisogno di infrastrutture per la ricarica e vogliamo poter scegliere mezzi di trasporto diversi da quelli alimentati a petrolio.

La sfida sul sistema di ricarica è stato lanciato e si badi bene che neanche l’Europa è riuscita a venirne a capo considerato che le aziende automobilistiche e quelle elettriche lottano tra di loro su quale sistema di plug in adottare.

L’amministrazione Obama dal canto suo si dice fiduciosa e crede che entro il 2015 ci saranno in circolazione un milione di auto elettriche.

Chu sostiene il nucleare, va detto e quindi non si capisce la catena dell’elettrico se intenda alimentarla con il nucleare, con l’eolico che sta avendo moltissimi incentivi o con l’uso di quel gas scisto devastatore di ambiente.

Via | UsNews
Foto | Getty Images

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa