Seguici su

Inquinamento

ENI: dalle tangenti di Scaroni alle violazioni dei diritti umani in Nigeria e Kazakhstan

Scaroni, AD di ENI è indagato per corruzione internaizonale. Questa vicenda dovrebbe portare alla luce anche le violazioni dei diritti umanio di cui si è resa corresponsabile ENI in Nigeria e Kazakhstan

Paolo Scaroni, AD di ENI è indagato per corruzione internazionale; la notizia non è solo italiana perchè ha trovato eco anche sul New York Times.

Scaroni, convinto che “galleggiamo sul petrolio“, è l’uomo fossile per eccellenza, quello che ha spinto ENI a concentrarsi sul core business del petrolio e del gas, senza cogliere il vento di cambiamento portato dalle rinnovabili.

Ora che la vicenda giudiziaria di ENI ha raggiunto le prime pagine dei giornali, sarebbe bene che si iniziasse a parlare un po’ di più di qualcosa di ben più grave delle tangenti, ovvero le violazioni dei diritti umani.

Da oltre tre anni ENI è nel mirino di Amnesty international per violazione dei diritti umani in Nigeria: la campagna dell’organizzazione internazionale, iniziata nel 2009, è tuttora in corso perchè ENI e le altre multinazionali operanti nel paese africano non hanno ancora posto rimedio alla devastazione ambientale attuata nel delta del Niger.

Scrive Amnesty International: «la fuoriuscita di greggio dagli oleodotti gestiti da ENI sono un fenomeno ricorrente. Hanno contaminato i campi coltivati, le falde acquifere, le paludi e i fiumi dai quali le comunità traggono l’acqua per tutte le esigenze della vita quotidiana. Le conseguenze delle fuoriuscite sono inoltre talvolta aggravate dal verificarsi di incendi e da ritardi nella bonifica dei siti inquinati.»

Esiste inoltre la grave pratica del gas flaring: per ridurre eccessi di pressione negli impianti, il gas infiammato viene liberato con gravi impatti sulla salute degli abitanti (vedi foto in alto) che convivono con l’odore acre, l’illuminazione 24 ore su 24 e la polvere nera che si deposita sui campi i vestiti e gli alimenti.

Amnesty chiede a ENI di bonificare le zone inquinate, porre fine al gas flaring, rendere pubblici i dati sulle fuoriuscite di petorlio e coinvolgere in azioni positvie le comunità locali

ENI è accusata di violazione dei diritti umani anche in Kazakhstan: nel settembre 2012 15 persone sono state uccise dalla polizia durante scioperi contro le multinazionali del petrolio. Secondo Human Rights Watch, le compagnie occidentali, tra cui ENI, che stanno investendo nel paese asiatico, stanno sfruttando i lavoratori violando i loro dirittti e reprimendo le proteste.

In tutto ciò, non dimentichiamo che ENI è una compagnia parteciapta dalla Repubblica Italiana , cioè dai cittadini, al 30% e che forse il controllo pubblico andrebbe esercitato con più precisione e fermezza.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa