Seguici su

Acqua

Etiopia: la nuova diga Gibe III all’origine di ecocidio e violazione dei diritti umani

La diga in costruzione sul fiume Omo a cura della ditta italiana Salini causerà una grave alterazione degli ecosistemi a valle del fiume; già oggi le popolazioni sono deportate e i diritti umani sono violati nella regione, chiusa ai turisti

Non è solo il petrolio a fare disastri in Africa. Anche una fonte energetica pulita, come l’idroelettrico, se supera una certa scala può creare devastazione ambientale e umana.

E’ ciò che sta succendendo nel profondo sud dell’Etiopia dove la costruzione della grande diga Gibe III nella valle del fiume Omo da parte del contractor italiano Salini sta mettendo a repentaglio la vita di uomini, piante  ed animali.

Come denunciano gli attivisti dell’ong Friends of lake Turkana, la nuova diga creerà un bacino di 210 km² allagando zone abitati da contadini e pastori; le zone a valle della diga perderanno le piene annuali che da migliaia di anni portano nutrienti al terreno, rovinando l’agricoltura e la pastorizia tradizionali che danno sostentamento oltre 100000 pesone.

Come si vede infatti dall’immagine satellitare nella gallery in fondo al post, la zona in cui scorre il fiume Omo è molto arida e le uniche zone verdeggianti sono quelle in prossimità del corso d’acqua.

Il grande lago artificiale diventerà inoltre un perfetto luogo di riproduzione per le zanzare che veicolano la malaria, oltre ad incrementare enormemente l’evaporazione con conseguente minore dipsonibilità di acqua dolce (analogamente a quanto è avvenuto con il lago Nasser in Egitto).

Ci saranno problemi anche più a sud, in Kenya, dove l’Omo sfocia nel lago Turkana; la riduzione del flsso idrico causato dalla diga potrebbe abbassare il livello delle acque di 10 m, con aumento della salinità e conseguente minaccia di estinzione per numerose specie di pesci e per l’industria della pesca locale che dà da vivere a 300000 persone.

Il progetto della diga inoltre non rispetta le raccomandazioni della World Commission on Dams.

E tutto questo a che pro? La diga garantirà una produzione idroelettrica massima di 1600 GWh; se un quarto della superficie inondata fosse ricoperta di pannelli FV si potrebbe produrre la stessa energia senza impatti ambientali. (1)

Secondo il Guardian, il governo etiope sta esercitando un violento pressing sugli abitanti della zona, con intimidazioni, rapimenti e uccisioni. E’ questo lo sviluppo che vogliamo per l’Africa?

Se vogliamo fare sentire la nostra voce, possiamo firmare la petizione online per fermare la diga e magari proporre la stessa ad un ambito ben più vasto, magari attraverso Avaatz.

(1) Considerando un irraggiamento per il sud dell’etiopia di 1825 kWh/m²/anno e un rendimento delle celle del 20%. Il territorio arido e assolato del sud Etiopia potrebbe ospitare senza problemi decine e decine di parchi fotovoltaici.

Leggi anche

No alle grandi dighe: 80 milioni di deportati

No alle grandi dighe: le promesse non mantenute

Mappa del bacino del fiume Omo
La minaccia della diga Gibe III Mappa del bacino del fiume Omo Immagine satellitare del fiume Omo La copertina della campagna anti diga

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa