Seguici su

Agricoltura

Carne di cavallo: i migliori bovini del mondo allevati a pochi metri dallo stabilimento dei ravioli ritirati dai Nas

Il 60% degli italiani ha paura delle frodi alimentari

I paradossi della globalizzazione e delle filiere lunghe, anzi, lunghissime. A poche centinaia di metri dallo stabilimento di Moretta (Cn), dove venivano confezionati i ravioli e i tortellini con l’involontario (?) mix di carne bovina ed equina, vengono allevati pregiatissimi bovini di razza piemontese ovverosia capi di bestiame fra i più apprezzati al mondo.

A sottolinearlo è la Coldiretti Piemonte dopo il blitz effettuato a Moretta dai Nas dei Carabinieri, operazione nella quale erano state rinvenute tracce di Dna di carne di cavallo pari all’1%. Da anni Coldiretti si batte per un’etichettatura chiara e trasparente dei prodotti alimentari e si è detta disposta a fare da mediatrice con colossi come Nestlè-Buitoni affinché vengano stipulati contratti di filiera, come è già avvenuto con altri settori dell’agroalimentare:

È però necessaria la volontà della multinazionale di aprire un dialogo con Coldiretti e gli imprenditori agricoli, affinché si dia la chiara dimostrazione ai consumatori che si intende avviare un processo di trasparenza, che evita caroselli commerciali che mettono a rischio la salute dei consumatori e la credibilità dell’azienda di trasformazione.

Intanto le notizie provenienti da mezza Europa non hanno tardato a far sentire i loro effetti sull’opinione pubblica e sull’(in)conscio collettivo. Secondo un’indagine condotta di recente da Coldiretti/Swg le frodi a tavola sono ritenute più gravi di quelle fiscali e degli scandali finanziari. Se qualcuno porta i soldi alle Cayman o se rischia il tracollo una banca fondata nel Medioevo passi, ma nel piatto no, ci vuole trasparenza, bisogna sapere che cosa si sta per mangiare.

La salute prima di tutto: le frodi alimentari sono le più temute dal 60% degli intervistati, perché hanno effetti sulla salute, poi ci sono quelle fiscali (40%) e quelle finanziarie (26%).

Capitolo punizioni: il 57% concorda sulla sospensione dell’attività per chi “sgarra”, il 22% sull’arresto e il 18% su di una multa salata. Per il 90% degli italiani dovrebbe essere obbligatoria in etichetta l’origine delle materie prime agricole impiegate, mentre il 65% si sente tutelato se il marchio degli agricoltori e/o allevatori è italiano. Perché in gioco c’è la salute, non è soltanto una questione di etichetta.

Via I Coldiretti

Foto © Getty Images

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa