Seguici su

Cronaca ambientale

Mamme NO Muos ottengono lo stop alle antenne a Niscemi ma fino a nuovi studi

Il Governo ferma temporaneamente il MUOS a Niscemi ma questa decisione non convince i siciliani.

Le Mamme NO MUOS non sono molto convinte di aver portato a casa un buon risultato, ovvero quello stop tanto atteso alla costruzione del MUOS le antenne militari nella base americana di Niscemi.

Il loro primo commento sulla pagina del gruppo su Fb è stato:

La delusione e lo sconcerto e il primo sentimento che ci invade, l’atteggiamento del Ponzio Pilato siciliano e a dir poco stomachevole, quello che si temeva e successo, passare la palla dal Governo Siciliano a quello nazionale, tutto per tutelare i diritti di altri ma non quelli Italiani. Penso che con questo comunicato, il governo abbia dato il via, alla disfatta dei movimenti e dei presidi, calpestando ancora una volta la dignità delle persone. Questo a mente fredda. Serve l’aiuto di tutti ora!

E infatti per il 30 marzo è stata indetta proprio a Niscemi una manifestazione popolare per ribadire il no alle antenne.

Ieri la decisione di sospendere i lavori a Niscemi è arrivata attraverso una nota da palazzo Chigi in cui viene precisato che al termine della riunione tra il Governo (presenti: il Presidente del Consiglio Mario Monti, il Ministro dell’Interno Anna Maria Cancellieri, il Ministro della Difesa Giampaolo Di Paola, il Ministro della Salute Renato Balduzzi), il SS alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Antonio Catricalà, e per i Ministeri dell’Ambiente e degli Esteri i SS Tullio Fanelli e Staffan de Mistura) e la Regione Siciliana (presenti il Presidente Rosario Crocetta, l’ assessore all’Ambiente Mariella Lo Bello e alla Salute Lucia Borsellino si è convenuto sulla necessità di tener conto delle preoccupazioni espresse dai siciliani rispetto all’impatto delle antennte su salute e ambiente e di aprire attraverso il ministero degli Esteri un canale di dialogo con il governo degli Stati uniti per:

  1. Affidare ad un organismo tecnico indipendente (Istituto Superiore della Sanità o altro istituto dell’Organizzazione Mondiale della Sanità – eventualmente in raccordo con l’ISPRA) uno studio approfondito e in tempi brevi di valutazione dell’impatto sull’ambiente e sulla salute delle popolazioni interessate delle emissioni elettromagnetiche anche in caso di utilizzo alla massima potenzialità degli impianti, senza oneri per la Regione Siciliana. La installazione delle parabole non avverrà prima che siano disponibili i risultati di tale studio;
  2. Introdurre strumenti che consentano il monitoraggio continuo verificabile anche da parte del sistema pubblico per il rispetto dei limiti delle emissioni previsti dalla legge;
  3. Verificare l’attuazione delle misure di compensazione previste nel Protocollo d’intesa in favore del territorio e della popolazione locale.

Come riferisce Giampiero Trizzino, Presidente della Commissione Territorio e Ambiente dell’Ars e deputato del Movimento 5 Stelle a Linksicilia:

Non vorremmo che si trattasse, in realtà, di un passo indietro e che alla fine si pervenisse alla revoca della revoca delle autorizzazioni, che ci aspettiamo, invece, diventi operativa il 17 marzo, come comunicatoci dalla Regione.

Foto | palazzo Chigi

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa