Seguici su

Animali

Combattimenti fra cani: due denunce a Torre del Greco

Due persone sono state denunciate a Torre del Greco perché ritenute responsabili dei combattimenti fra cani che venivano organizzati, ogni week end, alle ore 15, nella cittadina in provincia di Napoli.

Anche se il fenomeno non riveste più i caratteri di allarme sociale, molti segnali indicano una graduale ripresa. I combattimenti tra cani restano una realtà criminale pericolosa che deve essere contrastata senza abbassare la guardia. La pericolosità che hanno questi criminali, si evince anche dalla sistematicità con cui si svolgevano i combattimenti: stessi giorni, posti, orari e alla presenza di passanti, dimostrando sfrontatezza, arroganza e prepotenza: tipici atteggiamenti criminali,

ha dichiarato il dottor Ciro Troiano, responsabile dell’Osservatorio Nazionale Zooomafia della LAV.

Nei combattimenti di Torre del Greco i cani addestrati venivano istigati al combattimento (anche contro) cani randagi.

Se fino ad alcuni anni or sono il fenomeno era numericamente più consistente, attualmente i combattimenti fra cani sembrano avere raffinato le proprie condotte a delinquere diventando – naturalmente non nel caso di Torre del Greco – meno vistosi rispetto al passato.

Nonostante il coinvolgimento di due persone i cani non sono stati sequestrati. La LAV chiederà alla Procura di procedere a un sequestro preventivo finalizzato a scongiurare il pericolo che, in caso di condanna, non si possa effettuare la confisca dei cani, come prevede la legge.

La legge Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali nonché di impiego degli stessi in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate (le cui ultime modifiche risalgono al Decreto Legislativo entrato in vigore il 7 luglio 2011) prevede: 

1)  la reclusione da uno a tre anni e una multa da 5mila a 160mila euro per chi promuove, organizza o dirige combattimenti fra animali e competizioni non autorizzate. Aumento di un terzo se presenti minorenni o persone armate o con promozione attraverso video.

2)  la reclusione da tre mesi a due anni e multa da 5mila a 30mila euro per allevamento, addestramento, fornitura di animali

3)  la reclusione da tre mesi a due anni e multa da 5mila a 30mila euro per chi effettua scommesse, anche se non presente ai combattimenti o competizioni.

Via | LAV

Foto © Getty Images

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa