Seguici su

Uncategorized

Incendio alla centrale nucleare di Hartlepool in Inghilterra

L’incendio è avvenuto nel locale turbine e la direzione dei venti ha fortunatamente tenuto i fumi lontano dai centri abitati. Il costo di milioni di euro per lo stop di emergenza al reattore si aggiunge ad una performance non esaltante della centrale che in trent’anni ha avuto un load factor del 60%

Un incendio è divampato sabato nei locali turbine del reattore 2 della centrale nucleare di Hartlepool nel nord dell’Inghilterra. I dirigenti dell’impianto, gestito da Electricitè de France, hanno comunicato di avere domato l’incendio in tempi brevi e sostengono che non esistono pericoli per la popolazione.

La centrale è situata a pochi km dal villaggio turistico di Seaton Care sul mare del NOrd, ma fortunatamente il vento ha portato la colonna di fumo lontano dai centri abitati, hanno aggiunto. Non è chiaro se in casi come questo venga effettuato un monitoraggio straordinario della radioattività ambientale.

L’incendio è avvenuto mentre erano in corso le operazioni di riavvio del reattore 2 dopo  un normale intervento di manutenzione: ora il reattore è stato nuovamente fermato per motivi di sicurezza.

E’ appena il caso di ricordare che ogni shutdown di emergenza ha un costo di milioni di € in mancata produzione di energia, riparazioni e procedure straordinarie.

E’ opportuno inoltre sapere che le centrali nucleri sono più soggette a questo tipo di emergenza di quanto si pensi. Come si può vedere dal grafico qui sotto (dati del PRIS Power Reactor Information System), nei due reattori di Hartlepool la produzione di energia ha presentato grandi variazioni da un anno all’altro: dopo aver impiegato una decina di anni a raggiungere una produzione stabile, ha mantenuto un load factor (1) tra l’80 e il 90 % per un’altra decina d’anni per poi tornare a perdere colpi, compreso un lunghissimo stop nell’anno 2008. La produzione media trentennale di ciascun reattore si è cosi attestata sui 3 TWh, il 60% circa dell’energia massima che avrebbero potuto produrre.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

(1) Capacity factor o load factor (LF) è il rapporto tra l’energia effettivamente prodotta in un anno e l’energia masima producibile se l’impianto avesse lavorato senza interruzioni per tutto l’anno (8760 ore). Il PRIS riporta per i due reattori di Hartlepool un LF medio trentennale di 70,6% e 67,5%, ma ripetendo i conti con la potenza nominale di 600 MW,, si vede che in realtà questi numeri sono rispettivamente 62% e 57%.  Trovo ad esempio scorretto che nel database PRIS la potenza netta di riferimento degli impianti sia stata modificata di anno in anno, facendola oscillare tra 400 a 600 MW, quando sarebbe necessario considerare un valore di potenza netta nominale fisso (a meno che tale valore cambi per modifiche strutturali e non è questo il caso).

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa