Seguici su

Inquinamento

L’Ilva chiede il dissequestro dell’acciaio o 27 milioni di dollari di danni

Nella terza istanza presentata da Bruno Ferrante l’azienda siderurgica Ilva di Taranto chiede, nuovamente, che la procura di Taranto dissequestri l’acciaio sigillato a novembre sulle banchine del porto: 5 maggio il termine ultimo.

Non tende a placarsi la battaglia a colpi di carte bollate tra il colosso Ilva e la procura di Taranto: per la terza volta da novembre infatti Ilva chiede che gli sia permesso di vendere l’acciaio sequestrato dal gip Patrizia Todisco lo scorso novembre, e che sta gravando sul bilancio economico dell’azienda, acciaio che la procura ha definito

corpo del reato.

In caso contrario Ilva ha fatto sapere che chiederà i danni allo Stato.

C’è tempo fino al 5 maggio prossimo per decidere: i 27 milioni di dollari che Ilva paventa di chiedere come risarcimento danni però pesano come sull’intera vicenda, già messa profondamente in crisi dallo scontro apertissimo tra Ilva, Governo e magistratura.

Ilva si appella al fatto che, il 9 aprile scorso, la Consulta ha rigettato i ricorsi del Tribunale di Taranto dichiarando la legge 231 del 2012 (decreto salva-Ilva) costituzionale: una sconfitta per il gip Todisco, amatissima a Taranto e ormai baluardo delle battaglie ambientali e sanitarie del popolo di Tamburi, ma un respiro di sollievo per Ilva, che tuttavia si trova ancora incastrata nei lacci della burocrazia.

Lacci che vanno stringendosi ed allargandosi a seconda di chi sia il sarto che li tesse: è necessario che gli atti tornino nel Palazzo di Giustizia di Taranto e solo allora i magistrati potranno riattivare il procedimento e decidere sulla richiesta di dissequestro, come confermato mercoledì mattina dai giudici di Corte d’Appello.

In questo senso dunque parlare di “minaccia” è un po’ pretestuoso: dal 9 aprile ad oggi sono passate due settimane e Ilva rischia di perdere la commessa ottenuta nel contratto firmato con la società irachena Oil Projects Company (Scop), accordo che prevede per l’acquirente la possibilità di risoluzione se le merci non saranno spedite entro il 5 maggio.

Il dissequestro che Ilva continua a chiedere, e la procura continua a negare (o meglio, a complicare), accusa il colosso siderurgico, sembrerebbe l’unico modo per fare cassa e garantire bonifiche, stipendi, messa a norma degli impianti. Almeno, secondo quanto sostiene Ilva.

Via | Ansa

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa