Seguici su

ECOLOGIA

Inceneritore Torino: un corteo contro il “mostro” del Gerbido

Cresce la preoccupazione fra gli abitanti del torinese per l’attivazione di un inceneritore che emetterà sostanze inquinanti su di un’area di 40-50 kmq

Sono circa 5mila le persone attese al corteo che si svolgerà sabato 11 maggio, a partire dalle 14:30, fra Beinasco (ritrovo in via Dolci) e Torino (Piazza d’Armi) per “mettere una pietra sopra” all’inceneritore del Gerbido, situato nella periferia a sud ovest di Torino, non lontano da Mirafiori. Con la loro marcia gli organizzatori della manifestazione vogliono promuovere tre importanti azioni in corso contro l’inceneritore inaugurato lo scorso 25 aprile:

1) La raccolta fondi per l’iniziativa 5 euro per difenderci dall’inceneritore. Con quasi 7.500 euro raccolti in poco più di due mesi, i comitati dei residenti stanno per effettuare alcune analisi mediche sui bimbi per poi ripeterle più avanti nel tempo, per organizzare un’azione legale in caso i valori dei metalli pesanti misurati sui bimbi aumentassero dopo l’avvenuto avvio dell’inceneritore.

2) La raccolta firme relativa alla Legge d’Iniziativa Popolare Nazionale Rifiuti Zero: è da poco partita questa importante iniziativa condivisa con tutti i comitati sparsi sul territorio italiano. Sarà possibile firmare per una proposta di legge con la quale si cercherà di bloccare in tutta Italia la costruzione di nuovi inceneritori e fermare entro breve tempo gli inceneritori già attivi.

3) Continuare ad informare e raccogliere adesioni tra i cittadini: il numero di iscritti al Coordinamento No Inceneritore Rifiuti Zero Torino è cresciuto di molto, ad oggi vi sono 1500 iscritti alla mailing list e circa tremila iscrizioni ai gruppi Facebook.

Durante la campagna elettorale della primavera 2011, il sindaco Piero Fassino aveva promesso che l’inceneritore sarebbe stato “pubblico” ma dal dicembre 2012 il 75% delle quote è stato venduto a un fondo di investimento privato che dovrà produrre utili per i soci.

Nell’inceneritore verranno bruciati plastica, carta, sostanze organiche, legno e metalli che, se recuperati, varrebbero molto più, basti pensare che per produrre una bottiglia di plastica occorre una quantità di energia dieci volte superiore a quella necessaria a bruciarla. Quindi più che un termovalorizzatore è un termosvalorizzatore.

In un anno il “mostro” del Gerbido – la cui costruzione è costata la vita a due operai nel marzo 2012 – consumerà un milione di metri cubi di acqua potabile (il consumo annuo di 5mila famiglie) e un milione di metri cubi di metano (il consumo annuo di 10mila famiglie) per fornire calore a 17mila famiglie. Ogni giorno verranno prodotte 269 tonnellate di scorie e 45 tonnellate di ceneri pericolose. Ma non è finita qui. Il vero allarme è soprattutto legato ai 680 kg di emissioni che verranno liberate nell’aria del torinese ogni giorno: un mix inquinante di polveri sottili, ossidi di azoto, ossido di zolfo e ammoniaca. Ma altre sostanze verranno emesse dalla bocca dell’inceneritore: metalli pesanti, mercurio, Pcb e diossina ricadranno ( e verranno trasportate dal vento) in un’area stimata in 40-50 kmq con effetti sulle persone e sul cibo coltivato.

I comitati sottolineano come le emissioni dell’inceneritore torinese superino di diverse volte i limiti stabiliti dall’OMS, ma, allo stesso tempo, l’impianto ha la possibilità legale di sforare i limiti in tutto il periodo di collaudo e per 180 ore all’anno nell’esercizio senza che vi possano essere interventi da parte delle autorità preposte. Come dicono gli organizzatori, insomma, si rischia di “morire a norma di legge”.

Via | Rifiuti Zero Torino

Foto © Getty Images

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa