Seguici su

Acqua

Spiagge e fondali puliti 2013 Legambiente: rimosse 25 tonnellate di rifiuti

Nei 3 giorni della campagna Spiagge e fondali puliti 2013 i volonatri di Legambiente hanno rimosso 25 tonnellate di rifiuti dai lidi del Mediterraneo.

Anche se a causa del maltempo molti appuntamenti sono stati rimandati la campagna Spiagge e fondali puliti di Legambiente Clean up the Med, grazie ai volontari, ha raccolto 25 tonnellate di rifiuti, per la maggior parte mozziconi di sigaretta, bottiglie e sacchetti di plastica. Si sono raccolti anche catrame, metallo e elettrodomestici interi o a pezzi.

La raccolta si è realizzata a patire da venerdì ma sembra che il bilancio finale sia destinato a salire a 50 tonnellate di rifiuti allorché i volontari proseguiranno nella raccolta nelle località balneri dove a causa del maltempo le iniziative sono state rimandate.

Già l’UNEP (Programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente) ha pubblicato studi in merito al fatto che la plastica è il principale rifiuto che si trova in mare e che rappresenta il 60-80% del totale dei rifiuti trovati nelle acque, con punte del 90-95% in alcune aree. Erano 500 le tonnellate di plastica che galleggiavano nel Mediterraneo nel 2010 così come le ha valutate l’Istituto francese di ricerca sullo sfruttamento del mare (Ifremer) e l’Università di Liegi. Le acque più sporche per la plastica sono state trovare al largo della Spagna, Francia e nord Italia tanto che hanno superato i continenti spazzatura dell’Oceano Pacifico e Atlantico: nel nord del Tirreno e a largo dell’Isola d’Elba sono stati rinvenuti 892.000 frammenti plastici per km2, quando la media è di 115.000.

Dopo la liberazione dalle immondizie è stato lanciato il concorso La più bella sei tu. I concorrenti devono fornire il nome della spiaggia secondo loro più bella e la motivazione; la giuria valuterà poi i dati raccolti e li pubblicherà nella Guida Blu 2013.

Legambiente ha ricordato inoltre che per legge le spiagge sono aperte a tutti:

nessuno stabilimento balneare ha il diritto di negare l’accesso alla battigia, né deve essere pagato alcun pedaggio per raggiungere il mare. L’associazione ambientalista chiede, così, a cittadini e turisti di segnalare eventuali violazioni denunciandole al comando locale dei vigili urbani o alla capitaneria di porto.

Via | Comunicato stampa
Foto | Festambiente su Flickr

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa