Seguici su

EcoComunicazione

La raccolta differenziata della ceramica: dove si butta

Dove si buttano la ceramica e la porcellana e come facilitarne il riciclaggio

Dove finiscono la ceramica e la porcellana quando si fa la raccolta differenziata? Come possiamo favorire il riciclaggio? In molti pensano che ceramica e porcellana debbano finire nei cassonetti o nelle campane adibiti alla raccolta del vetro.

Alla base dell’errore vi è il fatto che la ceramica contiene del vetro, ma nella sua composizione sono presenti altri elementi che rischiano di inficiare il processo di riciclaggio. Ceramica e porcellana, dunque, vanno buttati nei cassonetti dell’indifferenziato oppure portati nei centri adibito al riciclo.

Se il rifiuto è piccolo si può buttare nell’indifferenziato avvolgendo i pezzi o i cocci nei giornali per evitare che chi maneggia i rifiuti possa farsi male con delle schegge. Se, invece, si tratta di oggetti in ceramica e in porcellana di grandi dimensioni è consigliabile recarsi nelle riciclerie che accettano questo tipo di ceramiche.

La raccolta differenziata. Glossario per riciclare: lettere P, Q e R

Questa settimana il nostro viaggio nella raccolta differenziata prosegue analizzando tutti quegli articoli di uso comune che iniziano per P, Q e R. In particolare, è senz’altro doveroso soffermarsi su due categorie di prodotto, estremamente inquinanti e pericolose: i pannolini – anche nella loro declinazione di assorbenti igienici – e i prodotti chimici domestici.

Per quanto riguarda i primi, non è forse scontato ricordare che il loro tempo medio di decomposizione è, di norma, pari a circa 5 secoli. La “produzione annuale media di rifiuto”, invece, per un bambino in fasce è di circa 400 chili. E non è tutto: per produrre i 18 miliardi di pannolini annualmente consumati, occorrono circa 3.5 miliardi di galloni di olio, 82.000 tonnellate di plastica e 1.3 milioni di tonnellate di polpa di legno. Un ottimo motivo, questo, per passare all’acquisto di pannolini ecologici. Per quanto riguarda i prodotti tossici, clamorosamente inquinanti e corrosivi, invece, noi di ecoblog vogliamo fornire alcuni utili consigli per leggere le etichette: la “X” segnala prodotti nocivi (Xn) ed irritanti (Xi); la “C” prodotti corrosivi. Il teschio, invece, indica la tossicità di un prodotto (T; T+) e la fiamma l’infiammabilità dello stesso (F, F+).

Pane e pasta – utili per il compostaggio – Cassonetto indifferenziato;
Pannolini e pannoloni – non riciclabili – Cassonetto indifferenziato;
Pellicole di cellophane – riciclabili – Cassonetto multi materiale;
Peluche – non riciclabili – Cassonetto indifferenziato;
Penne e pennarelli – tendenzialmente non riciclabili – Cassonetto indifferenziato;
Pentole e padelle – riciclabili – Isole ecologiche e centri di raccolta;
Piatti di plastica – non riciclabili – Cassonetto indifferenziato;
Piatti in ceramica e porcellana – non riciclabili – Cassonetto indifferenziato;
Pile scariche – riciclabili – Contenitori per pile scariche;
Polistirolo (per alimenti e imballaggi) – Cassonetto multi materiale;
Poltrone – riciclabili le componenti – Isole ecologiche e centri di raccolta;
Posate di plastica – non riciclabili – Cassonetto indifferenziato;
Preservativi – non riciclabili – Cassonetto indifferenziato (non nel water!!!);
Prodotti chimici domestici (acqua ragia, detersivi, ammoniaca, smalti per le unghie..) – non riciclabili – Isole ecologiche e centri di raccolta;

Quaderni – riciclabili – Cassonetto della carta;

Ramaglie residui da giardino – utili per il compostaggio – Cassonetto indifferenziato;
Rasoi in plastica – non riciclabili – Cassonetto indifferenziato;
Rete da letto – riciclabile – Isole ecologiche e centri di raccolta;
Riviste – riciclabili – Cassonetto della carta;
Rubinetterie – riciclabili – Isole ecologiche e centri di raccolta;

Foto | Pixabay

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa