Carbon farming: l'agricoltura bio sequestra carbonio nel suolo

Secondo esperimenti condotti in California, l'uso dei compost nei campi permette di immagazzinare piu' carbonio nel suolo, sequestrandolo dall'atmosfera. Gli agricoltori che usano queste pratiche sono ricompensati con crediti di carbonio.

Il suolo agricolo assorbe naturalmente il carbonio e di conseguenza sequestra anidride carbonica dall'atmosfera. L'uso di pratiche biologiche, come l'uso del compost come fertilizzante, puo' fare una grande differenza e aumentare la enormemente la quantita' sequestrata.

E' cio' che ha dimostrato un allevatore della California, John Wick, che ha effettuato per diversi anni una ricerca in collaborazione con l'Universita' di Berkeley; uno strato di compost di poco piu' di un centimentro di spessore e' stato disperso sui pascoli e dopo tre anni il suolo ha un contenuto di carbonio significativamente piu' alto dei pascoli di controllo.

Parte di questo carbonio extra proviene dal compost e parte dalla crescita dell'erba che e' stata stimolata dal compost.

Secondo la ricerca di Berkeley, se il compost fosse applicato al 5% dei pascoli californiani, il suolo potrebbe immagazzinare l'equivalente  di un anno di emissioni dell'agricoltura industriale californiana; se cio' fosse esteso al 25% dei pascoli, il suolo potrebbe assorbire il 75% delle emissioni della California.

Si tratta di cifre impressionanti, che potrebbero dare un impulso straordinario all'agricoltura biologica,  visto che gli agricoltori bio verranno ricompensati con crediti di carbonio nel meccanismo cap and trade.
Carbon farming

  • shares
  • +1
  • Mail