OGM, in Oregon sono fuori campo

Scoperto un campo di grano non autorizzato coltivato con Ogm. La Monsanto accusa gli ambientalisti di sabotaggio 

Qualche giorno fa, in Italia, hanno fatto notizia i campi coltivati con mais Mon810 a Vivaro, negli Stati Uniti, invece, il mistero è legato al grano geneticamente modificato che è stato trovato in un campo non autorizzato dell’Oregon. Una notizia clamorosa visti gli strettissimi vincoli sulle semine e sulla diffusione degli OGM. La scoperta ha scatenato il panico, tanto che Giappone e Corea del Sud hanno subito bloccato le importazioni di frumento dagli Stati Uniti.

Dalle prime ricerche effettuate è stato possibile scoprire che il grano in questione è una varietà testata dalla Monsanto dalla fine dagli anni Novanta al 2005 su 100 appezzamenti in 16 Stati diversi. Questi particolari OGM non furono poi messi in commercio, poiché ritenuti poco remunerativi. Un altro scandalo legato alla sicurezza alimentare è all’orizzonte? Il dubbio – più che lecito – è che il grano OGM sia già presente sul mercato senza che né i consumatori, né gli agricoltori ne siano a conoscenza.

La Monsanto accusa gli attivisti del fronte ambientalista di sabotaggio, probabilmente perché qualcosa deve essere sfuggito ai laboratori del colosso multinazionale che ha in mano una fetta importante dell’alimentazione mondiale. Non sarebbe la prima volta che la natura prende in contropiede la scienza.

Il Dipartimento dell’Agricoltura (Usda) ha comunicato che il frumento non è stato messo in commercio, ma la stalla è stata chiusa quando i buoi erano già scappati. Gli Usa vendono la metà della loro produzione sui mercati europei e asiatici e dopo le chiusure nippo-coreane il timore è che anche l’Europa blocchi le derrate alle dogane.

L’Unione Europea controllerà tutta la materia prima in entrata, bloccandone la distribuzione qualora dovesse contenere OGM. Nel 2012, soltanto nel nostro Paese, sono state importate 379.689 tonnellate di frumento per un totale di 120 milioni di euro.

Foto © Getty Images

 

 

  • shares
  • Mail