Nubifragio su Torino: in un quarto d’ora 50 mm di pioggia

Circa un ventesimo della quantità annua di pioggia che cade sulla città si è abbattuta sul quartiere Parella in circa un quarto d’ora. E ora all’ombra della Mole si fa la conta dei danni 

Un nubifragio di inaudita violenza si è abbattuto su Torino questa mattina. Un dato numerico dà l’esatta misura della violenza del piovasco che si è abbattuto sul capoluogo torinese: i 50 mm di pioggia caduti, in un quarto d’ora, sul quartiere Parella (quello dal quale scrivo) rappresentano, all’incirca, la ventesima parte della quantità media di pioggia che viene registrata nei pluviometri cittadini (981 mm). Un dato che ha veramente dell’incredibile. Un temporale che è stato descritto, non a torto, come monsonico. 

Personalmente a nulla è valso abbassare le serrande e chiudere le porte: i venti hanno spinto l’acqua trasversalmente facendola penetrare dentro le case. 

È accaduto tutto intorno alle 08:30. L’intensa perturbazione è durata fra i 15 e i 20 minuti ed ha abbassato drasticamente la temperatura afosa degli scorsi giorni. In corso Tirreno la violenza dell’acquazzone ha fatto cadere un ponteggio di un cantiere edile, ma è stato accertato che non ci sono stati feriti. 

Un uomo è rimasto ferito dalla caduta di un tetto, il mercato di corso Spezia sii è allagato e in collina un albero è caduto abbattendo i fili della luce elettrica, numerosi allagamenti hanno creato gravi problemi alla viabilità, specialmente in corso Valdocco, temporaneamente chiuso al traffico, e in corso Regina Margherita. Altri albri sono caduti in città bloccando la linea 3, anche la fermata Bernini della metropolitana è stata chiusa. 

In via Po sono caduti 32 mm, 26 mm all’Istituto di Fisica, mentre a Parella i 50 mm di pioggia sono stati accompagnati da raffiche a 90 km/h. In via Reiss Romoli sono state segnalate raffiche di vento  114 km/h.

Via | Repubblica 

Foto © Getty Images

 

  • shares
  • Mail