Seguici su

Acqua

Incidente Deep Water Horizon, 42 miliardi di danni, pari a un anno di importazioni italiane

La catastrofe ecologica del Golfo del Messico ha avuto un grande impatto sull’ecosistema; i danni relativi alle sole attività antropiche assommano ad un valore pari alle importazioni di greggio italiane di un anno

A quasi quattro anni di distanza dall’incidente sulla piattaforma off-shore della Deepwater Horizon nel golfo del Messico, il più grave disastro tecnologico dell’industria petrolifera, il conto dei danni ha raggiunto 42,7 miliardi di dollari.

Tanto per farsi un’idea, è più o meno la stessa cifra che l’Italia ha pagato nel 2013 per tutte le sue importazioni di petrolio (1). I costi però potranno crescere ancora di un altro 50% (altri 20 miliardi); dopo le ultime sconfitte giudizirie, BP è attesa la varco nelle molte cause legali sono ancora in corso. Inoltre il dipartimento di giutizia USA continua a bandire la BP da nuove operazioni nel golfo.

Nel 2013 la BP ha ridotto i suoi profitti del 23%, da 17 a 13 miliardi di dollari. Paradossalmente BP ha perso meno di Shell (-71%) che non ha sofferto grandi incidenti, ma ha scommesso malamente sulle trivellazioni artiche.

I biologi marini hanno collegato danni riscontrati nelle popolazioni di delfini con il disastro petrolifero, mentre sono abbastanza evidenti i problemi di salute di molte specie di pesci e soprattutto degli organismi che vivono immobili sui fondali, come le ostriche.

Peccato che ostriche e delfini on possano costituirsi parte civile.

(1) Fonte Min Sviluppo Economico: 356 milioni di barili a 110 $/barile da gennaio a novembre 2013

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa