Seguici su

Acqua

Mondiali 2014: Greenpeace propone una grande Ola contro Adidas

Una grande ola da generare online per convincere Adidas, il marchio della moda sportiva tedesca a disinquinare i suoi prodotti

Greenpeace prosegue con la campagna Detox rivolta ai Mondiali 2014 chiedendo che Adidas, colosso dell’abbigliamento sportivo tedesco, si assuma la responsabilità ambientale sui suoi prodotti trovati contaminati da sostanze inquinanti.

Stamane con la proiezione dei filmati presso la sede centrale di distribuzione di Adidas per l’Europa occidentale che si trova in Germania gli attivisti di Greenpeace hanno aperto la campagna per fare pressing sull’azienda tedesca. Ricorda Greenpeace:

Adidas guadagna miliardi con la Coppa del Mondo e non mantiene le promesse di disintossicazione del loro abbigliamento. Secondo uno studio di Greenpeace i contaminanti chimici come perfluorurati (PFC) e solventi come dimethylformamid ( DMF ) sono stati rilevati nei prodotti dell’ Adidas World Cup. Invece di portare nuovi colori e design Adidas dovrebbe finalmente iniziare a produrre scarpe pulite.

Per ricordare Adidas della sua responsabilità ambientale , gli attivisti di Greenpeace domani manifesteranno in tutto il mondo: Hong Kong, Taiwan, Russia, Indonesia, Filippine, Cina, Corea del Sud e Messico e davanti ai negozi Adidas vi saranno striscioni con su scritto:

Lo sporco segreto di Adidas. DETOX NOW !

Greenpeace in aggiunta a queste attività lancia sia la petizione online con una mail da inviare direttamente a Herbert Haine CEO di Adidas, sia l’evento per la più grande Ola mondo. Gli amanti dello sport di tutto il mondo possono partecipare utilizzando una applicazione smartphone per registrare la propria Ola e per condividerla su twitter con l’hastag #detoxfootball. Greenpeace userà le Ola per inondare il produttore di articoli sportivi con la protesta dei consumatori.

La campagna internazionale Detox di Greenpeace esorta i produttori tessili a sostituire le sostanze chimiche tossiche con alternative ecocompatibili. I test di Greenpeace mostrano che dal 2011 le sostanze chimiche provenienti da stabilimenti tessili inquinano l’acqua potabile che scarseggia nei paesi produttori del sud. Adidas, Nike e Puma sono stati i primi a impegnarsi per una produzione pulita tre anni fa ma gli attuali test di Greenpeace mostrano che le misure promesse sono ancora troppo timide.

Foto | Greenpeace Mexico

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa