Seguici su

ECOLOGIA

Quintuplicati i casi di febbre Dengue in dieci anni in America Latina

Nel 2013 oltre due milioni di casi con 1300 morti. La crescita dell’infezione è legata sia all’urbanizzazione incontrollata che ai cambiamenti climatici.

I casi di febbre Dengue sono quasi quintuplicati negli ultimi dieci anni nelle Americhe, secondo un rapporto della Pan American Health Organization (PAHO).

Tra il 2009 e il 2012 si sono registrati un milione di cassi all’anno, con circa 34000 forme acute e oltre 800 morti. Il 2013 è stato il peggiore per l’emisfero occidentale con 2,3 milioni di casi e 1300 morti. Per confronto, il numero di infettati nel 2003 fu di poco superiore al mezzo milione.

Nonostante gli sforzi delle varie nazioni per controllare la malattia, la dengue continua a diffondersi a causa dell’urbanizzazione incontrollata, la mancanza di servizi di base e i cambiamenti climatici.

Le più alte temperature, la variazione delle precipitazioni e le estati più lunghe hanno infatti favorito il ciclo della zanzara Aedes Aegypti che rappresenta il vettore più comune per l’infezione.

Poiché il virus esiste in cinque diversi sottotipi, l’infezione dà immunità permanente ad uno solo di essi, mentre la successiva infezione con altre forme del virus può dare luogo a gravi complicazioni. Per questo motivo, non è stato possibile sviluppare un vaccino e le uniche misure, oltre alla terapia, sono di tipo preventivo: ridurre l’habitat delle zanzare e proteggersi con reti, come per la malaria.

La battaglia contro il virus è pienamente in corso: se da un lato secondo la PAHO si riscontra una diminuzione della mortalità, dall’altro cresce anche l’immunità delle zanzare agli insetticidi.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa