Seguici su

Cronaca ambientale

Igualada (Spagna): esplosione in una fabbrica, nube tossica arancione – video

Una pericolosa nube arancione a Igualada, in Catalogna, fa tre feriti e confina tutta la popolazione nelle proprie case

Esplosione questa mattina in una fabbrica di Igualada, cittadina spagnola non lontana da Barcellona. Erano passate da poco le 9, quando c’è stato uno scoppio nella fabbrica chimica Simar, nella zona industriale della località della Catalogna.

L’esplosione ha provocato tre feriti non gravi all’interno della fabbrica, ma ha anche sprigionato una nube tossica, di colore arancione, che sta confinando in casa da diverse ore gli abitanti di Igualada e dei paesi vicini. La protezione civile catalana ha infatti ordinato il confinamento obbligatorio a tutta la popolazione che si trova in zona: l’ordine è quello di rimanere chiusi in casa, negli uffici e nelle scuole con le finestre chiuse e gli impianti di ventilazione disattivati.

I composti chimici liberati dall’esplosione sono acido nitrico e cloruro ferrico. Le autorità catalane, anche attraverso Twitter, segnalano che l’acido nitrico è corrosivo e tossico, e invitano a più riprese i cittadini ad evitare di uscire all’aria aperta, magari per scattare foto alla vistosa nube tossica.

Igualada è un comune della Catalogna di circa 40mila abitanti, dista 50km in linea d’aria da Barcellona. Il fenomeno della nube tossica ha un raggio minore, e sono al momento direttamente interessati solo i comuni confinanti con quello in cui si è verificata l’esplosione (in particolar modo Òdena).

Di seguito alcune foto della nube tossica arancione, in alto un video.

Foto: finnuar su Twitter

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa