Seguici su

Alimentazione

Pizza candidata a patrimonio Unesco: in Italia un business da 10 miliardi di euro

La decisione verrà presa entro il 15 novembre 2016. Attualmente sono sei i patrimoni immateriali dell’Unesco italiani

Quello della pizza, in Italia, è un business da 10 miliardi di euro, distribuito su 63mila pizzerie o locali che la vendono al taglio, per l’asporto o con la consegna a domicilio. L’intera filiera dà lavoro a 150mila persone. Ecco perché la candidatura della pizza nella lista Unesco del patrimonio culturale immateriale dell’umanità è stata consegnata alla Commissione italiana Unesco con 300mila firme raccolte da Coldiretti insieme all’Associazione Pizzaiuoli Napoletani e alla fondazione UniVerde dell’ex ministro dell’Agricoltura Alfonso Pecoraro Scanio.

Ogni giorno, nel nostro Paese, si sfornano 5 milioni di pizze, anche se va detto che i consumatori più forti al mondo non sono, come si potrebbe credere, gli italiani (che ne mangiano “solo” 7,6 kg all’anno), ma gli statunitensi che nella loro versione (che ben poco ha a che spartire con l’originale) ne consumano 13 chili all’anno.

Il patrimonio immateriale dell’Unesco comprende 348 elementi fra cui sei italiani: l’Opera dei pupi (iscritta nel 2008), il Canto a tenore (2008), la Dieta mediterranea (2010), l’Arte del violino a Cremona (2012), le macchine a spalla per la processione (2013) e la vite ad alberello di Pantelleria (2014). Anche se la pizza può rientrare benissimo all’interno della Dieta mediterranea pare davvero scontato che il negoziato internazionale che coinvolgerà 163 Stati con valutatori internazionali si concluda positivamente. Perché sul fatto che la pizza sia un patrimonio della gastronomia italiana non ci sono dubbi.

Perché sarebbe importante che entro il 15 novembre 2016 l’Italia riuscisse ad ottenere questo riconoscimento? Alla Coldiretti sulla questione hanno le idee chiare: la pizza è “un prodotto simbolo dell’identità nazionale conosciuto in tutto il mondo”, spiega il presidente Roberto Moncalvo aggiungendo che

quando un prodotto diventa globalizzato il rischio è che se ne perda l’origine ed è proprio il caso dell’arte della pizza.

A livello paesaggistico, l’ultimo sito italiano a essere stato inserito è quello di Monferrato, Langhe e Roero ovvero le tre zone che coprono il 90% della produzione vinicola del Piemonte.

Via | Coldiretti

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa