Seguici su

Animali

Allarme meduse giganti nel Mediterraneo

L’ampliamento del canali di Suez potrebbe farle arrivare sui nostri mari. Tra loro anche la terribile Rhopilema nomadica, che può pesare fino a cinquanta chili.

Gli esperti avevano già lanciato l’allarme e 500 scienziati di 40 paesi hanno inviato una lettera aperta alle autorità egiziane, nella speranza che si valutasse con attenzione l’impatto ambientale dell’allargamento del canale di Suez. Tutto inutile: l’opera faraonica verrà inaugurata in Egitto oggi.

Un aspetto che non si è però preso in considerazione riguarda le possibili conseguenze per il mare Mediterraneo. In particolare, fanno paura le meduse giganti che già popolano abbondantemente le acque del mar Rosso e che, adesso, con l’allargamento, si teme possano avere la strada spianata fino alle nostre coste.

Creature giganti e urticanti, che possono arrivare a mezzo metro di diametro per un peso di cinquanta chili. A far paura è soprattutto la Rhopilema Nomadica: urticante, ma non velenosa, che può comunque causare gravi ustioni. Già adesso si può trovare nel Mediterraneo, in particolare lungo le coste di Israele, dove è arrivata in seguito alla prima apertura del canale di Suez. L’allargamento di quel canale fa temere che possano espandersi anche oltre.

Il loro numero è infatti destinato ad aumentare, anche per via del riscaldamento globale, che negli ultimi anni ha fatto registra una presenza sempre più massiccia delle meduse. La Commissione Europea ha fatto sapere di essere “consapevole del rischio e dei potenziali impatti che l’allargamento del canale di Suez” potrebbe avere. Adesso si attendono le contromisure per evitare che invadano i nostri mari.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa