Cop21: firmato l’accordo di Parigi sul clima. DiCaprio all’Onu: “Siete l’ultima speranza” | Foto e video

Matteo Renzi: “L’Italia sarà protagonista di questo accordo storico, per i nostri figli e per i nostri nipoti”.

L’accordo sul clima raggiunto alla Cop21 di Parigi è stato firmato oggi, alla presenza di oltre 170 Paesi, presso il Palazzo di Vetro dell’Onu a New York. Il Segretario Generale Ban Ki Moon, che ha aperto la cerimonia, ha definito quello di oggi un momento storico e ha invitato tutti i Paesi a “muoversi rapidamente” per unirsi all’accordo a livello nazionale, in modo che diventi operativo il prima possibile.

Molto entusiasmo da parte dell’Italia. Il ministro dell’Ambiente Gianluca Galletti ha commentato:

“Che emozioni, il mondo a Nyc firma l’accordo raggiunto alla Cop21. L’Italia e l’Europa ci sono, da protagoniste”

Sulla stessa lunghezza d’onda il Premier Matteo Renzi:

“L’Italia sarà protagonista di questo accordo storico, per i nostri figli e per i nostri nipoti”

Oltre ai capi di Stato, tra i quali mancava Barack Obama, impegnato nella visita a Londra e dunque sostituito a New York dal Segretario di Stato John Kerry (presente con la nipotina, simbolo delle generazioni future), era presente anche il celebre attore Leonardo DiCaprio, che con una sua organizzazione è impegnato seriamente nella difesa dell’ambiente e che oggi ha tenuto un discorso, intervenendo in veste di messaggero Onu per il clima. Il Premio Oscar ha detto:

“Il mondo vi sta guardando. Voi siete l'ultima migliore speranza della Terra, noi vi chiediamo di proteggerla o tutti noi, tutte le creature viventi, saremo storia. Voi sarete applauditi dalle future generazioni o sarete condannati. Potremmo avere onore e disonore: solo noi possiamo salvare o perdere l'ultima speranza della Terra. Il nostro compito è questo: voi siete l'ultima migliore speranza della Terra”

Il ministro per l’Ambiente francese Ségolène Royal, che fece da padrona di casa alla Cop21, ha sottolineato:

“Mai un accordo internazionale è stato firmato da così tanti paesi in un giorno”

Infatti il record precedente è di 119 Paesi, nel 1982, per la Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare.

Il WWF, nota associazione ambientalista, pur manifestando soddisfazione per la firma dell’accordo, ha anche sottolineato come non sia ancora sufficiente. In una nota ufficiale, infatti, scrive:

“Mentre la firma dell'accordo di Parigi entra nella storia come un passo importante negli sforzi climatici globali, anche le temperature planetarie e gli impatti climatici stanno scrivendo un pezzo di storia del Pianeta. Il mese scorso si è registrato il marzo più caldo che mai, dopo 11 mesi consecutivi di temperature record. Una delle peggiori siccità ha colpito l'Africa orientale e meridionale, il 93% della Grande Barriera Corallina è stato colpito dallo sbiancamento dei coralli e la calotta glaciale della Groenlandia sta affrontando una stagione anticipata di fusione dei ghiacci, con temperature record che hanno sfiorato i 20°C sopra la media”

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail