Seguici su

Auto Elettriche

Solo i ricchi comprano auto elettriche

Uno studio della European Automobile Manufacturers’ Association dimostra che le auto elettriche si vendono solo nei Paesi ricchi.

Auto elettriche quota di mercato europa

Secondo i dati pubblicati dalla European Automobile Manufacturers’ Association (ACEA) se in Europa si vendono poche auto elettriche e ibride plug in è principalmente una questione di costi: il prezzo dell’auto è ancora il fattore determinante nella scelta d’acquisto.

O, meglio, siccome le auto elettriche costano ancora molto non tutti se le possono permettere. L’ACEA ha fatto anche i conti, Paese per Paese (all’interno dell’UE) e ha scoperto che se il Pil pro capite è inferiore ai 18 mila euro la quota di mercato di elettriche e plug in è vicina allo zero.

Dove il Pil pro capite è superiore ai 35 mila euro la quota di mercato si aggira in media sull’1,8%. La media europea è dello 0,7%. I sei Paesi UE con cin il Pil pro capite più alto assorbono l’85% delle vendite di auto elettriche e ibride plug in.
[related layout=”big” permalink=”https://ecoblog.lndo.site/post/175166/in-cina-sono-tutti-pazzi-per-le-auto-elettriche-e-ibride”][/related]
Questo ragionamento ACEA non lo fa per pura statistica ma, al contrario, per mandare un segnale al Parlamento Europeo che a breve voterà sugli obiettivi post 2020 di riduzione della CO2 nel settore dei trasporti privati.

Secondo l’associazione vanno bene i target, ma devono essere realistici: “Il Parlamento Europeo non deve perdere di vista il fatto che il mercato è guidato essenzialmente dai consumatori – spiega il segretario generale di ACEA Erik Jonnaert – Un passaggio naturale ai veicoli elettrici semplicemente non avverrà se non si prendono in considerazione le disponibilità economiche dei consumatori“.
[img src=”https://media.ecoblog.it/1/1d8/auto-elettriche-quota-di-mercato-europa.jpg” alt=”Auto elettriche quota di mercato europa” align=”center” size=”large” id=”175481″]
L’attuale proposta della Commissione Europea è quella di passare nei prossimi 12 anni (dal 2018 al 2030) dall’attuale 1% scarso di quota di mercato per l’elettrico ad un poco credibile (secondo l’ACEA) 30%. Il Parlamento sta spingendo per portare il target al 50%.

I dati ACEA mostrano che attualmente c’è una netta differenza tra il mercato dell’Europa occidentale e quello dell’Europa orientale, ma c’è anche differenza tra nord e sud. In Grecia, Italia e Spagna, ad esempio, la penetrazione dell’elettrico si ferma allo 0,2%, 0,2% e 0,6% rispettivamente.

I membri del Parlamento Europeo non dovrebbero dimenticare l’impatto delle loro decisioni sulle persone – conclude Jonnaert – forzare l’elettrificazione potrebbe portare ad esclusione sociale in molti Paesi UE, riducendo la mobilità delle persone che più ne hanno bisogno“.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa