Seguici su

Auto Elettriche

Autobus elettrici: consegnato il primo Mercedes eCitaro ad Amburgo

Mercedes Benz ha consegnato il primo esemplare del suo autobus elettrico eCitaro all’azienda del trasporto pubblico di Amburgo, a breve saranno 20.

Mercedes ecitaro

Continua la rivoluzione nel trasporto pubblico: il primo autobus elettrico eCitaro di Mercedes è stato consegnato nei giorni scorsi all’azienda per il trasporto pubblico di Amburgo. E’ il primo bus a batterie di un ordine complessivo di 20 mezzi in totale, che parteciperanno al rinnovamento del parco veicoli pubblici della città che mira sempre più alla mobilità sostenibile al trasporto a emissioni zero.

Mercedes eCitaro è il primo bus completamente elettrico sviluppato e costruito interamente in Germania. Grazie alla sua tecnologia, il mezzo è in grado di ridurre il consumo di energia elettrica attinta dalle batterie senza incidere sulle prestazioni e mantenendo un’autonomia adeguata all’uso tipico di un bus urbano.

Esteticamente, la versione elettrica del Citaro prende spunto dal suo omonimo con motore termico: costruita sulla base della stessa piattaforma, ne riprende lo stile e le dimensioni, aggiungendo però qualche soluzione di design ispirate al concept bus “Mercedes-Benz future bus”.

Con linee tondeggianti e un disegno molto moderno, il nuovo bus non passa inosservato tra la strade urbane, grazie anche all’enorme e curvo parabrezza, che integra il display con la destinazione.
[related layout=”big” permalink=”https://ecoblog.lndo.site/post/176357/iveco-mercedes-e-volvo-sul-podio-del-sustainable-bus-award-2019″][/related]

Mercedes Benz ecitaro: motore e batteria

[img src=”https://media.ecoblog.it/b/bcf/ecitaro-oben-w1680xh945-cutout.jpg” alt=”Mercedes ecitaro” size=”large” id=”177958″]

Dal punto di vista tecnico, eCitaro potrà contare su un powertrain da 250 Kw e 970nm di coppia, assicurati dai motori ZF Ave 130 disposti in prossimità delle ruote del mezzo. Le batterie, con una capacità di 243 Kw, sono disposte in moduli ognuno da 25 kw circa: il modello base prevede 2 moduli sul tetto e altre 4 nella parte posteriore dell’autobus.

Il mezzo, tuttavia, è predisposto per ospitare fino a 10 moduli, consentendo di conseguenza un sensibile aumento dell’autonomia. Così configurato, eCitaro raggiunge un peso 13,44 tonnellate, rispetto a un massimo consentito di 19.5 tonnellate: lo scarto consente quindi di trasportare un peso pari a 88 passeggeri, un numero in grado di soddisfare le esigenze dei cittadini nelle ore di punta.

[img src=”https://media.ecoblog.it/f/f22/ecitaro-laden-w1680xh945-cutout.jpg” alt=”Ricarica mercedes ecitaro” size=”large” id=”177956″]

Il sistema di ricarica del veicolo è anch’esso configurabile a seconda delle diverse esigenze dei singoli clienti. Di serie, il veicolo dispone di una ricarica plug-in con presa Combo 2.

Se le esigenze di autonomia sono superiori, è possibile equipaggiare l’autobus con un pantografo in grado di ricaricare il veicolo durante la marcia. In aggiunta a ciò, ecitaro è in grado anche di recuperare energia elettrica attraverso la frenata rigenerativa: in fase di frenata, l’energia cinetica prodotta non viene dissipata in calore ma utilizzata per ricaricare le batterie.

A influire sulle prestazioni e sull’autonomia di un veicolo a propulsione completamente elettrica, sono sicuramente le condizioni atmosferiche.

I tecnici di Mercedes hanno così testato il loro autobus simulando le peggiori condizioni climatiche possibili, dimostrando che, nella versione con 10 celle, risultando che il mezzo è in grado di percorrere circa 150 Km in estate, consentendogli quindi di rispondere a gran parte delle esigenze cittadine.

In condizioni climatiche ottimali, eCitaro ha invece un’autonomia di 250 Km.

[related layout=”big” permalink=”https://ecoblog.lndo.site/post/176120/autobus-elettrici-in-uk-li-preferiscono-ai-diesel”][/related]

Autobus elettrici Mercedes eCitaro: interni e comfort

[img src=”https://media.ecoblog.it/a/a31/ecitaro-innen-w1680xh945-cutout.jpg” alt=”Interni Mercedes ecitaro” size=”large” id=”177955″]

L’ambiente interno non è stato trascurato, compiendo scelte innovative che hanno rinnovato gli interni del nuovo bus di linea.

Il disegno a volta del soffitto nasconde le bocchette del climatizzatore; le luci interiori a LED rifratte in modo che sembri che vi sia installato un unico pannello e non diversi punti luce separati tra loro, creando così un effetto scenografico.

Grazie all’introduzione di questo nuovo soffitto, è stato possibile migliorare anche l’insonorizzazione del veicolo, permettendo quindi un maggiore comfort per i passeggeri. Nuove sono anche le trame dei disegni sui sedili, ora proposti di colore nero.

Amburgo: mobilità sostenibile pubblica e privata

[img src=”https://media.ecoblog.it/b/b5e/autobus-elettrici-mercedes-citaro-amburgo.jpg” alt=”autobus elettrici mercedes citaro amburgo” align=”center” size=”large” id=”174779″]
La consegna del primo eCitaro all’azienda di trasporto pubblico di Amburgo (Hamburger Hochbahn AG) non è l’unico passo fatto da questa città verso una mobilità più sostenibile e ad emissioni zero.

Amburgo è una città da 1,8 milioni di abitanti con un robusto servizio di autobus: 111 linee, 1.327 fermate, una flotta da quasi 1.000 autobus e 212 milioni di passeggeri ogni anno.

Ma è sempre Amburgo il posto dove, ancora insieme a Mercedes, i privati iniziano a sperimentare i trasporti elettrici e la logistica a basso impatto ambientale: neanche un mese fa Daimler Mercedes ha consegnato un camion elettrico eActros a Meyer-Logistik, che testerà questo mezzo pesante elettrico per un anno nel trasporto di alimenti deperibili nel percorso dal magazzino alcuni supermercati del centro città, dove vigono numerose restrizioni al traffico per i veicoli a motore termico tradizionale.

A cura di: Tommaso Marcoli

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa