Auto ibride: quello della BMW i8 è il miglior motore dell'anno

Fra le auto ibride spicca la BMW i8 che, nella specifica classe, domina la scena con il suo motore votato alla mobilità sostenibile.

La BMW i8auto ibrida plug-in sviluppata e prodotta dalla casa bavarese, è spinta da un cuore che, per il quinto anno consecutivo, ha messo in cassa il successo, nella specifica classe, agli International Engine & Powertrain of the Year. A suo favore 233 punti, contro i 138 raccolti dal secondo classificato fra i propulsori ibridi.

Quello della BMW i8 è il motore pioniere, ma anche il donatore di tecnologia per l'intera famiglia ibrida plug-in del marchio dell'elica blu. La specifica line-up è destinata a crescere fino ad un numero totale di dieci modelli entro la fine del 2019, per offrire alla clientela un ampio ventaglio di scelta.

L'unità propulsiva baciata dal riconoscimento è giunta sul mercato nel 2014. Da allora ha sempre guadagnato l'ambito premio nella sua categoria. Il fatto che si sia confermata al vertice nel corso degli anni è un'ulteriore prova di quanto sia stata all'avanguardia la visione degli ingegneri.

A spingere la BMW i8 provvede un motore elettrico sincrono da 131 CV abbinato ad un propulsore tre cilindri da 1.500 cm³ TwinPower Turbo a iniezione diretta con 231 CV all'attivo. Facendo la somma, si ottiene una riserva energetica complessiva di 362 CV. Quanto basta a raggiungere una velocità massima di 250 km/h e a bruciare il passaggio da 0 a 100 km/h in 4,4 secondi.

Equipaggiata con una batteria al litio da 7,2 kWh, la supercar dell'elica blu può percorrere, in modalità esclusivamente elettrica, fino a circa 37 chilometri. La sua efficienza energetica complessiva è raccontata da emissioni di CO2 pari a soli 49 g/km.

  • shares
  • Mail