Inquinamento: sequestrata in Sicilia discarica in riva al mare

Il ministro Costa invia sul posto la Guardia Costiera: "Obiettivo prioritario salvare il mare". Una sconfinata distesa di rifiuti scoperta in un bel luogo della Sicilia.

Importante operazione della Capitaneria di Porto-Guarda Costiera che, su disposizione della Procura, ha sequestrato una grande discarica abusiva di alcuni ettari a ridosso del mare, nell'area di Milazzo (Messina).

Il ministro dell'ambiente Sergio Costa, subito dopo aver appreso dell'esistenza di questi cumuli di rifiuti accatastati e disseminati in riva al mare (tra cui alcuni fusti), emersi a seguito della recente mareggiata, ha inviato immediatamente sul posto, per una verifica ispettiva, il capo del Reparto Ambientale Marino, ammiraglio Aurelio Caligiore, che affiancato dal suo staff sta effettuando gli accertamenti del caso.

Il quadro emerso desta turbamento e legittima preoccupazione, perché si tratta di uno sfregio intollerabile alla natura. La situazione è delicata sia dal punto di vista ambientale che sanitario. Proprio per questo sono scattati immediatamente i sopralluoghi e le indagini, tuttora in corso.

Queste le parole del ministro dell'ambiente Sergio Costa: "Stiamo monitorando con attenzione quanto accaduto: un fatto davvero sconcertante. Stiamo attivando tutti gli attori istituzionali competenti sul territorio, dal Comune alla Regione, affinché si scongiuri il pericolo che i rifiuti finiscano in mare e affinché vengano prontamente rimossi. Il nostro obiettivo prioritario è salvare il mare da un eventuale inquinamento, agevolare un rapido ripristino ambientale dell'area e proteggere la popolazione da eventuali rischi sanitari".

Fonte | Ministero dell'Ambiente

  • shares
  • Mail