Seguici su

ECOLOGIA

Ilva, per la procura tarantina la legge 231 “annienta il diritto alla salute”

Sollevato il principio di incostituzionalità, secondo la procura di Taranto la legge salva-Ilva viola anche i diritti umani e il Trattato di Lisbona

Nei ricorsi presentati dalla Procura di Taranto sulla legge cosiddetta “salva-Ilva“, la 231/12 approvata dal Parlamento la vigilia di Natale, con cui i magistrati pugliesi hanno chiesto al giudice delle indagini preliminari ed al Tribunale del Riesame di sollevare eccezione di incostituzionalità di tale normativa si legge chiaramente: la 231/12

annienta completamente il diritto alla salute e ad un ambiente salubre a favore di quello economico e produttivo

violando persino la Carta Europea dei Diritti dell’Uomo ed il Trattato di Lisbona.

Secondo la Procura la legge salva-Ilva viola la Carta europea dei diritti umani in relazione all’articolo 3 (diritto all’integrità fisica e psichica), all’articolo 35 (diritto alla salute) ed anche l’articolo 6 (Cedu) che indica il diritto ad un “equo processo“: perseguire questa strada quindi potrebbe far incorrere l’Italia in nuove procedure di infrazione per violazione dei diritti dell’uomo (un po’ come per la recente pronuncia in merito alle patrie galere); ad aggravare questo quadro, scrivono i magistrati, ci sono i profili di incostituzionalità della norma che

sono riferiti al rispetto per lo Stato italiano degli obblighi internazionali così come statuito dal primo comma dell’articolo 117 della Costituzione

Il Trattato di Lisbona invece sarebbe stato violato all’articolo 191 in riferimento al “principio di precauzione“, in quanto la legge salva-Ilva non adotterebbe

tutte le misure idonee a prevenire il pericolo di danni causati alla salute e all’ambiente anche in situazione di incertezza scientifica. […] la fase di rischio è stata già ampiamente superata da anni a causa dell’attività del siderurgico.

Oltre alle convenzioni europee la legge 231 violerebbe anche ben 11 articoli della Costituzione:

le disposizioni in esame si pongono in termini di assoluta incompatibilità con gli artt. 101, 102, 103, 104, 111, 113 e 117

Ora il gip Patrizia Todisco dovrà pronunciarsi sull’istanza di dissequestro avanzata dall’Ilva per i prodotti finiti e semilavorati giacenti sulle banchine del porto, su cui la Procura ha già più volte espresso parere negativo chiedendo tra l’altro di revocare l’incarico ai custodi, problematica pervenuta anche sul tavolo del Tribunale del Riesame.

Il clima nell’acciaieria resta teso ma nonostante tutto la produzione è, in qualche modo, ripresa: secondo gli ultimi dati sindacali tuttavia i lavoratori da considerarsi in cassa integrazione sono oltre 2000.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa