Seguici su

Uncategorized

Dal Mali la guerra della Francia si sposta al gas di Algeria e Libia

I terroristi attaccano un sito per l’estrazione di gas che fornisce il 18% del fabbisogno all’Europa. il timore è che i ribelli si spostino ora in Libia.

Il Nord Africa o la fascia del Magreb era e resta territorio di conquista, sopratutto per gas e petrolio. Il Mali è appena sotto l’Algeria e dunque ecco che viene preso di mira l’impianto Tigantourine di In Amenas di Bp, Statoil e Sonatrach a Sud. Per ora restano nelle mani dei terroristi di Al Qaeda del gruppo Katiba Al Muthalimin ancora sette ostaggi secondo quanto riferito da Algerie1. E’ da ieri che si combatte e nel mentre sono stati rilasciati 650 ostaggi di cui 132 occidentali e si contano circa 30 morti.

Ma perché si sta verificando questo conflitto? Delle risorse del Mali abbiamo già scritto, ma ciò che si evidenza oggi con il conflitto aperto dalla Francia nel nord del Mali e che si sposta in Algeria, è quanto tutta la fascia del Mahgreb, che pure ha subito il colonialismo francese, sia di nuovo in fermento a due anni dalla Primavera araba.

L’Algeria è il terzo fornitore di gas in Europa attraverso il gasdotto Transmed, con la Libia che ci manda il gas invece da Greenstream non troppo distante da Tigantourine. C’è ovviamente anche il petrolio, sopratutto dalla Libia, che noi abbiamo perso nel dopo Gheddafi.

Per ora sembra tutto sotto controllo sul mercato internazionale, gli analisti hanno già iniziato a drizzare le antenne. Il rischio che si corre e che probabilmente si sta già realizzando, come nota su Mali Actu Richard Cochrane, analista di IHS specializzato sul medio oriente e Africa del Nord:

L’intervento militare in Mali può muovere i jihadisti a cercare rifugio nel Maghreb, in particolare nel sud della Libia. Questa migrazione aumenta il rischio di attacco, in particolare contro le attività dei lavoratori occidentali e in tutta la regione.

L’attacco a Amenas potrebbe perciò costituire un “punto di non ritorno”, secondo Barclays:

Le compagnie petrolifere internazionali danno grande importanza alla tutela dei propri dipendenti e che hanno dimostrato la volontà di chiudere le loro attività se minacciati.

E così, ancora una volta noi italiani ci ritroviamo al cospetto dei francesi per cercare di racimolare briciole di gas e petrolio.

Via | Mali Actu,
Foto | Centimetri

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa