Seguici su

Agricoltura

Puglia: a rischio gli ulivi secolari


La svendita dei terreni, soprattutto se agricoli e di pregio, a speculatori e imprenditori edilizi della peggior specie è, purtroppo, in Italia un’amara constatazione. Il paradisiaco paesaggio mediterraneo, il tanto decantato “giardino d’Europa” dei secoli passati è infatti sempre più spesso smembrato, lottizzato, cementificato.. mentre i numerosi e prosaici “condoni” sommergono di ridicolo ogni tentativo di porre rimedio a questa consuetudine italiana.

Oggi, al centro del dibattito è la Puglia coi suoi straordinari ulivi secolari. Eppure, sembrano ben pochi quelli pronti a ricordarsene. Il prossimo 5 marzo, infatti, sarà discussa la proposta di modifica alla legge regionale n.14/2007 per la “tutela e la valorizzazione degli ulivi monumentali” al Consiglio regionale pugliese. Se approvata, l’attuale proposta di modifica consentirebbe

“la deroga ai divieti di danneggiamento, abbattimento, espianto e commercio degli ulivi monumentali e la non applicazione delle prescrizioni previste dalle norme tecniche di attuazione (NTA) del Piano urbanistico territoriale tematico per il paesaggio (PUTT/P) nei casi di piani attuativi di strumenti urbanistici generali approvati prima del 4 giugno 2007, giorno di emanazione della vigente legge di tutela degli ulivi monumentali”

La Puglia conta oltre 5 milioni di ulivi secolari ma la loro sopravvivenza, così caratteristica del paesaggio locale, è messa a dura prova dalle pratiche diffuse dell’espianto e del commercio illegale. L’approvazione della proposta (incoraggiata sia dai partiti di maggioranza che da quelli dell’opposizione) sferrerebbe un colpo durissimo all’identità stessa del territorio e annullerebbe, de facto, ogni possibile e concreta possibilità di tutela di questi alberi antichissimi.

Per questo motivo, molte associazioni ambientaliste locali e non solo (Italia Nostra, Legambiente Puglia, Touring Club Italiano, WWF Puglia) hanno diffuso un comunicato stampa sulla questione e promettono battaglia, appellandosi al senso del bene comune di una classe politica sempre più sorda alle problematiche ambientali.

Via | Legambiente Puglia
Foto | Flickr

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa