Seguici su

ECOLOGIA

Il doodle di google è dedicato alla Giornata della Terra 2013

Un bellissimo doodle di Google animato, quello di oggi 22 aprile, che apre la celebre pagina del motore di ricerca alla Giornata della Terra 2013 per ricordare a tutti quanto sia importante proteggere il Pianeta su cui viviamo.

Siamo giunti alla 43esima edizione della Giornata della Terra o Earth Day evento messo in piedi negli anni 70 negli Stati Uniti tra figli dei fiori e hippie, Jimi Hendrix, Beatles e Simon & Garfunkel’s nel pieno dell’esplosione di quell’ambientalismo di protezione sotto chiave degli ecosistemi.

Il fondatore della Giornata della Terra è stato Gaylord Nelson poi senatore del Wisconsin che si ispirò ai movimenti spontanei ambientalisti nati nelle università americane e dopo l’incidente della fuoriuscita di petrolio nella baia di Santa Barbara in California di istituirire una giornata contro l’inquinamento.

Oggi, con questa Giornata della Terra siamo ancora al concertone, all’aperitivo green, alle chiacchiere da salotto, incluso il doodle di Google che come per il Natale ci ricorda che dobbiamo essere almeno per oggi più buoni. Vi prendono parte 192 paesi che coinvolgeranno un miliardo di persone; un settimo degli abitanti del Pianeta, forse troppo pochi per fare la differenza?

La Terra è il Pianeta su cui viviamo insieme a moltissime altre specie, ma quelli che consapevolmente lo stanno distruggendo siamo proprio noi, senza battere ciglio. Il bilancio dopo 43 anni di Giornate della Terra inizia a essere consistente e dunque possiamo certamente dire che l’inquinamento e lo sfruttamento delle risorse naturali, in prima linea dell’acqua e poi il suolo, non si è né arrestato né viene controllato, ma si prosegue sulla strada della rapina ai danni del Pianeta.

Di contro però possiamo anche dire che sta maturando una consapevolezza rispetto ai temi dell’ambientalismo che è certamente più consistente e che affonda le sue radici nel diritto naturale a godere delle risorse della Terra come l’acqua, l’aria, il suolo e a custodirle per le generazioni future. Un fiume, un lago, il mare, un bosco, possono essere condivisi e usati e non solo contemplati a patto che vi sia il rispetto di tutte le forme viventi che lo abitano e anche delle esigenze del benessere umano. Nasce così il principio di beni comuni svincolato dalla proprietà dello Stato o del Privato e che per la sua essenza appartiene indistintamente a tutta l’umanità incluse le generazioni future.

Ecco, da qui sarebbe bello che partisse la prossima Giornata della Terra e da qui sarebbe bello che si ripensassero molte delle leggi che sfruttano le risorse naturali a danno di milioni di esseri umani.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa